A casa di Fiorito il cartello: Attenti al cane. Che è frocio

di

Nella bufera che sta travolgendo la Regione Lazio, oltre alle feste con gli uomini vestiti da maiali, vengono fuori altri particolari, come il singolare cartello appeso alla casa...

1431 0

Fiumi di soldi pubblici spesi in ostriche, champagne, feste che rievocano i lussuriosi banchetti dell’antica Roma con uomini vestiti da maiali che seducono vistose ragazze, un numero imprecisato di case e ville e adesso anche questa.
Riporta Mauro Favale su Repubblica che proprio al cancello di una di queste case delconsigliere Pdl del Lazio Enzo Fiorito, quella in via Margutta a Roma, ci sia un cartello: "Attenti al cane. Che è frocio".
Il cartello, spiega Favale è di quelli veri che si vedono regolarmente appesi ai cancelli delle ville o sui portoni delle case. L’aggiunta, invece, quell’orrendeo "Che è frocio", è scritta con il pennarello nero, non si sa da chi. Magari da un passante in vena di scherzi di pessimo gusto o da qualche amico del consigliere Fiorito o, chissà, da lui stesso.

Certo è che sebbene la casa sia frequentata, dati i avori di ristrutturazione in corso, nessuno ha provveduto a cancellare quelle parole che, tutt’ora, campeggiano sul cartello.
Una casa in pieno centro di Roma, a due passi da Piazza di Spagna, in quella Roma raccontata da Fellini ne "La Dolce Vita", grande ben 205 metri quadri, che Fiorito ha affitta a 4000 euro al mese dall’Ipad (Istituto pubblico di assistenza e beneficenza), ente che dipende dalla Regione Lazio. Un affitto avvenuto con una procedura che altri consiglieri regionali hanno definito "decisamente singolare".

Leggi   Inghilterra, omofobia e misoginia costano caro al deputato laburista Jared O'Mara
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...