Aggressione ad una trans, ridotta in fin di vita

di

Calci, pugni e traumi gravissimi: due interventi per salvarla. È successo in Ohio.

6055 0

Ha dovuto subire ben due operazioni per avere salva la vita, dopo che i suoi aggressori l’hanno prima insultata e poi picchiata. È successo a Candice Rose Milligan, trans di 33 anni di Toledo, Ohio, che lo scorso lunedì è stata aggredita da tre uomini. Prima gli insulti transfobici, pieni di aggettivi discriminatori. Poi i calci e i pugni, tanto da ridurla in fin di vita. Non contenti, i tre le hanno anche rubato il portafogli.

Finito il raid, sono scappati. Alcuni testimoni che hanno assistito alla scena, hanno fornito alla polizia una descrizione degli aggressori dalla quale gli investigatori sono arrivati ad identificare un 20enne, accusato però solamente del furto.

La giovane trans, intanto, ha dovuto subire due interventi, compreso uno che è servito ad eliminare il versamento di sangue nel cervello e l’ematoma verificatisi a causa dei colpi ricevuti con violenza dagli aggressori. Tra i traumi riportati, anche la fattura della mandibola che ha costretto i medici a chiuderle forzatamente la mascella.

Leggi   Giulia De Lellis ci ricasca: "Ma lui è gay o normale?"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...