Aggressioni omofobe a Torre del Lago

di

La apertura di una discoteca nelle vicinanze dei locali gay crea alcuni problemi di convivenza: minacce e insulti da parte di due ragazzi etrosessuali contro i tanti frequentatori...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Problemi di "normale" convivenza o episodi di pericolosa violenza omofoba e fascista? Caso isolato di una scheggia impazzita o sintomo di un clima di intolleranza? Impossibile stabilirlo, stando ai primi resoconti; di certo, non è la prima volta che pochi bulli locali cercano di intervenire per osteggiare la pacifica presenza di tanti gay a Torre del Lago, capitale della Friendly Versilia.

I fatti: domenica 17 giuno, notte fonda. I locali sul lungomare chiudono quando spuntano le prime luci del sole. Il giorno prima, proprio di fronte al "Mama mia", locale simbolo del Friendly Versilia, in cui ogni fine settimana si riversano centinaia di gay e lesbiche da tutta Italia, ha inaugurato una nuova discoteca, con un famoso dj della zona, che normalmente raccoglie nei suoi locali molti ragazzi (etero) desiderosi di scatenarsi… non solo grazie alla sua musica.

La vicinanza è strettissima, e già dal sabato si sente qualche commento poco gradito. Poi, la notte di domenica, appunto, due ragazzi, appena usciti dal nuovo locale, cominciano a inveire contro uno di frequentatori del "Mama mia", rivolgendosi anche alla folla che rimane ammutolita. Dalle descrizioni dei presenti, i due apparivano vistosamente sovraeccitati, come sotto l’effetto di qualche sostanza.

Subito sono stati chiamati i Carabinieri, che hanno risposto di non avere pattuglie disponibili da inviare. Fortunatamente, la calma è stata mantenuta e si è evitata la rissa.

Ieri si è svolta una udienza dinanzi al Questore, che ha garantito che solleciterà le forze dell’ordine ad una presenza più puntuale che prevenga o stronchi sul nascere qualsiasi ulteriore episodio di violenza. Gli aggressori saranno identificati e denunciati in giornata.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...