Aids: 48.488 malati in Italia

di

Sono gli eterosessuali la categoria più a rischio: 7.540 sono gli omosessuali con Aids, mentre sono 104.000 i sieropositivi totali.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Sono 48.488, al 30 giugno 2001, i malati di Aids in Italia. E cresce il contagio tra gli eterosessuali, che diventano quindi la prima categoria a rischio. I dati, della commissione nazionale per la lotta all’Aids, sono stati resi noti dal presidente dell’Associazione politrasfusi Angelo Magrini al termine della riunione di oggi della stessa commissione.

Dei 48.488 malati di Aids, 37.799 sono maschi. I sieropositivi sono invece 104.000 e i bambini in malattia 702. Nel primo semestre del 2001 si sono registrati 989 nuovi casi. Quanto alle categorie a rischio, le persone omosessuali con Aids risultano 7.540, mentre i tossicodipendenti con Aids conclamato sono 28.879; 900 gli omosessuali e tossici malati; 332 gli emofilici e 412 i trasfusi.

Ma il dato "più allarmante – afferma Magrini – riguarda proprio gli eterosessuali: le persone che hanno contratto la malattia per contatti eterosessuali sono infatti 8.382, pari al 17,5%, contro l’11,8% dal 1982 al 1994. Gli eterosessuali diventano dunque il primo gruppo a rischio e l’allarme è soprattutto per le donne: rappresentano il 37,4% del totale, contro l’11,1% degli uomini".

di Nadir notizie

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...