Aids: identikit del malato, etero 40enne

di

L'Hiv è la malattia della coppia normale. Questo è quanto emerge dai dati dello studio Icona (Italian CohOrt of naive antiretroviral patients), presentato oggi all'Istituto Spallanzani di Roma.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


ROMA – Uomo, intorno ai 40 anni, con grado di istruzione superiore ed eterosessuale. Donna sui 35 anni, sposata. L’Hiv è la malattia della coppia normale. Questo è quanto emerge dai dati dello studio Icona (Italian CohOrt of naive antiretroviral patients), presentato oggi all’Istituto Spallanzani di Roma, che ha tenuto sotto controllo 5.014 persone sieropositive contattate in 67 centri sparsi su tutto il territorio nazionale. L’Aids è ormani una malattia che rigurda tutti, indipendentemente dalle preferenze sessuali e dall’età, tanto che oggi la ‘via eterosessuale’ è la prima fonte di trasmissione con il 34,3% seguita dal 32,5% di diffusione tra i tossicodipendenti e il 17,8 tra gli omosessuali.

Ma il dato più preoccupante è il costante e generalizzato calo di attenzione intorno alla malattia. Secondo i dati in possesso dell’Istituto Superiore di Sanità, nel nostro Paese potrebbero essere più di 50mila le persone sieropositive che non sanno di essere ammalate. E a giungere tardi al test e alle cure sono sempre più malati. L’anno scorso oltre il 60% dei 3.500 nuovi casi registrati dall’Iss è arrivato dai medici con Aids conclamata.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...