Aids, la denuncia: l’Italia non mantiene le promesse

di

A pochi giorni dalla Conferenza Internazionale contro l'Aids che si terrà quest'anno a Roma, l'Italia si presenterà senza aver onorato i propri impegni finanziari nei confronti del Fondo...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
1171 0

"Il Governo italiano rispetti gli impegni presi a livello internazionale per la lotta contro l’Aids". Lo chiedono 13 associazioni (Actionaid, Anlaids, Arcigay, Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli, Comitato per i diritti civili delle prostitute, Coordinamento nazionale comunità di accoglienza, gruppo Abele, Lila, Nadir, Nps italia Onlus, Osservatorio Italia sull’azione globale contro l’Aids, Movimento identità transessuale, Villa Maraini) che si occupano di Hiv e Aids che si sono date appuntamento oggi all’Istituto superiore di sanita’ (Iss) a Roma, a pochi giorni dalla VI conferenza della International Aids Society in programma nella capitale dal 17 al 19 luglio. "Alla conferenza – sostengono le associazioni – l’Italia si presenterà senza aver ancora onorato i propri impegni finanziari nei confronti del Fondo globale per la lotta contro l’Aids, la tubercolosi e la malaria nel 2009 e 2010".

"In questi giorni – spiegano le associazioni – si stanno raccogliendo le firme per una lettera aperta al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, per sollecitare il Governo italiano a rinnovare l’impegno del Fondo globale, nato nel 2002 su spinta dello stesso Governo italiano". Poi le cose sono cambiate, mancano i contributi promessi nel 2009 e nel 2010, "e non e’ stato assunto ancora alcun impegno per il triennio 2011-2013". "Il Governo italiano – concludono le associazioni – deve comunicare un piano di rientro per l’esborso al Fondo globale dei contributi 2009 e 2010, pari a 260 milioni, e dei 30 milioni di dollari addizionali promessi dallo stesso Berlusconi al vertice G8 a L’Aquila nel 2009".

Leggi   Harry e Meghan, come regalo di nozze donazioni a un'associazione che si occupa di Hiv
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...