Aids: le interferenze delle terapie alternative

di

La lista dei potenziali effetti avversi delle terapie alternative cresce esponenzialmente

601 0

CHICAGO (Reuters Healt) – Il numero delle interazioni conosciute tra nutriente e nutriente e tra nutriente e medicinale sta crescendo esponenzialmente, questo è stato sostenuto negli interventi di lunedì nel simposio che si è tenuto nel 25° congresso clinico della società americana della nutrizione parenterale ed enterale.

Pensare che le erbe e le piante siano state utilizzate per trattare condizioni mediche per migliaia di anni, " noi non sappiamo quali effetti la nostra cultura abbia su queste erbe," avvisa Georgia M. Decker, una [infermiera] praticante all’Integrative Care di Albany, New York.

Gli interventi hanno enfatizzato che anche erbe che sono considerate come toccasana possono essere pericolose se combinate con altre terapie o se assunto da pazienti con certe patologie. Per esempio, l’aglio può peggiorare i sintomi in un paziente ipoglicemico, ed lo zenzero non dovrebbe essere assunto da coloro che sono affetti da disturbi alla cistifellea.

Un altro svantaggio sta nel fatto che a volte le terapie alternative nascondono i sintomi del paziente e del disturbo che quindi rimane nascosto. Ciò significa che occorre chiedere al paziente non solo cosa assume, ma quanto assume, sostengono i relatori. "Le [capsule] di liquirizia aiutano a riequilibrare lo stomaco quando c’è una grande acidità," spiega la Decker. "Ma se qualcuno vi viene a dire ‘oh, io prendo cinque, sei [capsule] di liquirizia al giorno,’ qual’è il sintomo gastrointestinale che richieda cinque o sei [capsule] di liquirizia al giorno?"

I relatori incoraggiano i professionisti della salute a continuare ad apprendere tutto ciò che possono dalla letteratura disponibile. "Noi non possiamo semplicemente dire ‘No, tu non puoi prendere questo’ perchè non ci sono molti studi randomizzati di larga prospettiva che sono arrivati a questa conclusione," dice Kathryn K. Hamilton, una dietista registrata ed istruttrice alla Columbia University a New York. "Con ogni probabilità, questi studi non verranno fatti."

di Nadir notizie

Leggi   HIV, nessun contagio se ci si cura: lo studio che lo conferma
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...