Al Garofano Verde "Il Figliastro" di Palmese

di

Un ragazzino con una madre-bambina viene adottato da un vedovo e dai suoi perversi figli. Una dark comedy sulle passioni scatenate dal fascino del “figliastro”. Dall'8 al 13...

634 0

ROMA – Al GAROFANO VERDE Scenari di Teatro Omosessuale Rassegna a cura di Rodolfo di Giammarco giunta alla IX edizione, è di scena "Il figliastro" di Massimiliano Palmese, con (in ordine alfabetico) Giorgio Colangeli, Giordano De Plano, Alessandra Ingargiola, Vinicio Marchioni, Luca Ventura; regia di Giuseppe Marini.

Un ragazzino con una madre-bambina viene adottato da un vedovo e dai suoi perversi figli. Una “dark comedy” che si svolge in un lungo corso di anni che vedono prima la composizione e poi la dispersione di questa folle famiglia sotto i colpi delle passioni scatenate dal fascino del “figliastro”.

Due mezze famiglie potranno ricomporne una? Due brandelli, rottami di una passata esplosione, possono sperare di rimettere in moto il meccanismo e farlo funzionare? Questa è l’impresa, tragicomica, che tentano i cinque personaggi de Il figliastro, dove lo spregiativo del titolo allude a quel groviglio inestricabile di sentimenti che sono i legami familiari. Acque, troppo torbide o troppo mosse, di un mare di cui non si scorge il fondale. Se un tempo il romanzesco era sinonimo di peripezie in luoghi esotici o comunque lontani da casa, oggi che i più grandi pericoli sono annidati in famiglia, lasciare “indenni” l’infanzia è diventata davvero la più avventurosa delle imprese. E’ un paesaggio di traumi antichi e recenti ma anche di improvvisi quanto ingiustificati entusiasmi che Il figliastro ricorda di aver attraversato e di essersi finalmente lasciato dietro quando si è messo in viaggio alla ricerca di una pienezza d’amore e di vita. La sua metà la troverà – anzi l’ha già trovata – in suo fratello. Suo fratellastro. Suo vero “animo gemello”.

dall’ 8 al 13 ottobre al Teatro Belli – Piazza S.Apollonia, 11/a 065894875

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...