AMARE VUOL DIRE…

di

Preservativi gratis in tutti i locali gay. Parte la campagna di prevenzione di Arcigay Toscana. Perché divertirsi è "un momento di amore per se stessi e gli altri"

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


SIENA. Dopo il congresso di Rimini, e le discussione affrontate all’interno e all’esterno delle Arcigay sull’opportunità di incentivare la distribuzione gratuita dei preservativi nei locali gay, la Toscana si muove per prima. Arcigay Toscana in collaborazione con www.condomizzati.it, società di vendita on-line di preservativi, lancia la campagna di prevenzione a sostegno della lotta all’Hiv distribuendo preservativi gratis in tutti i locali gay della Toscana.

Vivaci, colorati, simbolo della gioia di vivere la propria sessualità in maniera libera e sicura, i preservativi da oggi fanno capolino dai banconi di pub, discoteche e saune della Toscana.

Con questa iniziativa viene ri-catalizzata l’attenzione sul tema AIDS, malattia che continua a mietere migliaia di vittime, anche se tacitamente e senza fare purtroppo più notizia.

Senza porsi in modo "professoresco" di fronte a questa malattia, alimentando solamente paure, Arcigay Toscana vuole sottolineare che un problema esiste comunque, ed è quello, fondamentale, di unire il divertimento e l’atmosfera di festa delle discoteche e dei pub, all’argomento importantissimo della prevenzione che non è affatto un deterrente all’allegria, anzi. E’, come afferma Arcigay Toscana, momento di amore per se stessi e per gli altri. LA filosofia che sottende l’iniziativa è quantomai apprezzabile proprio perché mette l’accento sulla gioia e sull’amore, sul divertimento e sulla sicurezza. Tutti termini belli e forti: nella speranza, forse, di far accettare ai gestori dei locali la distribuzione gratuita di un semplice oggetto, il profilattico, troppo spesso considerato ‘triste’ perché ricorda una malattia nei templi del divertimento. E invece no:il preservativo è simbolo di gioia di vivere.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...