AMORE E LIBERTA’: RICOMINCIARE DA RICCIONE

di

Congresso Arcigay al via, per rinnovarsi e rendere più efficaci lotte e rivendicazioni. Ci saranno Fassino, Platinette, Laura Balbo. Parte la campagna per i preservativi gratis nei locali.

610 0

Come favorire l’acquisizione di un’identità consapevole e felice da parte di gay e lesbiche? Come rispondere alle esigenze di una comunità gay in piena espansione? Come relazionarsi con il centrodestra al governo in Italia e con le istituzioni europee? Che contributo dare alla riflessione in atto sui temi della globalizzazione? Saranno questi alcuni dei temi in discussione al 10° Congresso nazionale dell’Arcigay, dal 1° al 3 febbraio all’Hotel Savioli Spiaggia di Riccione, col titolo "^SCostruiamo la libertà, riprendiamoci l’amore^s". Tutti i leader del movimento omosessuale italiano si troveranno per tre giorni a discutere su come rinnovare e rendere più efficace la lotta per i diritti di gay, lesbiche, bisessuali e transessuali in Italia. Al congresso parteciperanno anche personaggi dello spettacolo, della politica, studiosi, operatori dell’informazione e dell’intrattenimento. Vedremo Platinette e il leader del Ds Piero Fassino insieme all’ex ministro alle Pari Opportunità Laura Balbo, sociologi e psichiatri come Asher Colombo e Marzio Barbagli, Chiara Saraceno e Paolo Rigliano.

All’assise di Riccione parteciperanno circa 150 delegati, in rappresentanza delle 90 strutture territoriali dell’Arcigay, che conta oltre centomila soci sparsi in quaranta province italiane, da Siracusa a Bolzano. Significativa quest’anno la presenza di circoli del sud (Palermo, Catania, Messina, Siracusa, Cosenza, Bari, Lecce, Napoli), segno di una rinnovata vitalità della tematica omosessuale nel Meridione. I lavori congressuali saranno preceduti, venerdì pomeriggio, da un convegno dal titolo "L’amore fuori dall’ombra", a cui parteciperanno i sociologi dell’Università di Bologna Marzio Barbagli e Asher Colombo – autori della ricerca "Omosessuali moderni", edita dal Mulino – Chiara Saraceno, dell’Università di Torino che presenterà i primi dati dell’indagine appena conclusa sui gay e le lesbiche torinesi e lo psicoterapeuta Paolo Rigliano, autore di "Amori senza scandalo", edito da Feltrinelli.

A seguire un saluto del sindaco di Riccione, Daniele Imola, e gli interventi degli ospiti. Sono state confermate, fra le altre, le presenze di Piero Fassino, segretario nazionale dei DS; Laura Balbo, ex Ministro per le Pari Opportunità; Mauro Bulgarelli, deputato dei Verdi; Cinzia Dato senatrice della Margherita e di un rappresentante del Ministero per le Pari Opportunità. Interverrà anche la popolare soubrette televisiva, Platinette.

Ma vediamo in dettaglio la tre giorni di Riccione: sarà il neo eletto deputato DS Franco Grillini, presidente onorario Arcigay, a aprire i lavori nel pomeriggio di venerdì primo febbraio, seguito dal presidente nazionale Sergio Lo Giudice per una introduzione. Il pomeriggio sarà poi diviso in due parti; nella prima, con il coordinamento di Davide Barba, interverranno Rigliano, che parlerà di "Legami d’amore globali e gioiosi", Barbagli e Colombo su "Coppie alla pari: una ricerca sugli omosessuali moderni", e Chiara Saraceno che cercherà di sondare la relazione tra gay e lesbiche, "somiglianze e differenze" di un rapporto forse meno collaborativo di quanto potrebbe.

La seconda parte della giornata di venerdì prevede una serie di importanti interventi coordinati dal segretario nazionale Aurelio Mancuso: sono attesi a parlare Laura Balbo e Piero Fassino tra i politici, Platinette e Alessandro Fullin tra gli operatori dello spettacolo, Massimo Mazzotta del Circolo Mario Mieli, Marcella di Folco del MIT, Maria Gigliola Toniollo dell’Ufficio Nuovi Diritti della CGIL, Giovanni Dall’Orto, direttore di Pride, Alessio De Giorgi direttore di Gay.it, solo per citarne alcuni.

La giornata centrale sarà quella del sabato, con l’elezione delle commissioni congressuali che studieranno i vari argomenti, e la relazione del presidente uscente. Poi, per tutta la giornata, dibattiti e svolgimento dei lavori delle commissioni. Per rilassarsi un po’, in serata, Alessandro Fullin proporrà una conferenza-spettacolo dal titolo "L’inversione sessuale: quale futuro?".

Domenica sarà la volta delle relazioni delle commissioni, delle votazioni e della conclusione dei lavori. Scontata la rielezione di Sergio Lo Giudice alla presidenza? Staremo a vedere.

Da segnalare c’è una importante iniziativa partita dalla mailing list di discussione Queer-it e che coinvolge associazione nazionale, circoli locali, mezzi di stampa e anche Gay.it in una programma di promozione dell’uso del preservativo. Il progetto, che ha raccolto l’adesione di massima oltre che di Gay.it, anche di Pride e Guide Magazine, prevede che questi organi di informazione offrano uno spazio pubblicitario gratuito per tutti i bar, saune, discoteche e altri locali che provvederanno alla distribuzione gratuita di profilattici per i loro clienti.

L’iniziativa nasce dalla constatazione che alcuni locali affiliati ad Arcigay, cioè ad una delle organizzazioni più attive nel campo della prevenzione AIDS, non dispongano dei preservativi, strumenti principali di questa prevenzione. Per creare una maggiore attenzione dei circoli in questo senso, l’iniziativa vuole sollecitare l’associazione nazionale a promuovere il progetto, spingendo i circoli affiliati all’adesione. Tutti i locali che aderiranno verranno citati nella pagina pubblicitaria gratuita messa a disposizione sulle riviste e nello spazio apposito su Gay.it. Inoltre nelle guide gay nazionali verrà creata una apposita segnalazione che renda noto che in quel locale è possibile trovare preservativi gratuiti. Un passo in avanti nella battaglia della prevenzione che è tutt’altro che definitivamente vinta.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...