An e Fi “Il Pride è osceno: non usate la Lanterna nel logo”

di

Due consiglieri della Regione Liguria, entrambi del Pdl, hanno scritto al ministro della Difesa perché impedisca che nel logo del Genova pride venga utilizzata la Lanterna: "sarebbe un...

729 0

Non c’è pace per il già tormentato Genova Pride. Ancora prima che si venga a capo della questioen che riguarda la data in cui il corteo dovrebbe svolgersi, scoppia la polemica sul logo che gli organizzatori vorrebbero utilizzare. I consiglieri regionali Gianni Plinio e Matteo Rosso, rispettivamente di An e Forza Italian, hanno scritto direttamente al ministro della Difesa Ignazio La Russa per informarlo che esiste lap ossibilità che la Lanterna, da sempre simbolo di Genova e del suo porto, possa essere utilizzata nel logo del Genova Pride, appunto. Perché proprio a La Russa? Perché la lanterna è di proprietà del ministero guidato dal siciliano di An. Quello che i consiglieri chiedono è che si impedisca "Un siffatto scandaloso utilizzo".

"Non è assolutamente consentibile che la Lanterna, storico simbolo della città di Genova – scrivono i consiglieri – , possa entrare a far parte del logo di una carnevalata blasfema e oscena quale è il Gay Pride. Siamo certi che il Ministro La Russa disporrà tutte le verifiche necessarie e impedirà che la lanterna, che è di proprietà della Marina Militare e quindi del Ministero della Difesa, venga utilizzata per iniziative che nulla hanno a che fare con le tradizioni della nostra Marina e della nostra Città". Ma se la Lanterna è il simbolo della città, non lo è anche di tutti i cittadini?

Leggi   Boom del centrodestra alle comunali, Gasparri: "Il Pd pensa solo al Gay Pride"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...