ANCHE PRETI AL KISS2PACS

di

Dope le dichiarazioni del Cardinale belga secondo cui i gay sono “pervertiti sessuali” e quelle di Bush, Arcigay chiama a raccolta anche il fronte di dissenso interno alla...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


ROMA – Dope le ultime dichiarazioni del Cardinale Gustaaf Joos, nominato lo scorso anno da Giovanni Paolo II, secondo cui gli omosessuali sono “pervertiti sessuali” e quelle del presidente Bush che si è detto nettamente contrario al riconoscimento delle unioni gay, gli organizzatori della manifestazione Kiss2Pacs del 14 febbraio sono convinti che la partecipazione sarà ancora più convinta e numerosa. Migliaia di coppie si baceranno contemporaneamente in piazza Farnese davanti all’ambasciata di Francia.
Alessandro Zan, coordinatore della manifestazione, replica duramente alle affermazioni del cardinale belga: “ Il Vaticano non può continuare ad offendere gratuitamente la dignità delle persone omosessuali. Il clero anzichè continuare con i proclami di intolleranza verso i gay e le lesbiche e la tutela delle unioni di fatto in generale dovrebbe affrontare con severità e senza ipocrisie la vergognosa vicenda sulla pedofilia scoppiata negli Stati Uniti. Noi sosteniamo la proposta di legge Grillini, Violante, Pollastrini sul Patto Civile di Solidarietà (PACS) che è stata calendarizzata alla Camera dei Deputati. Il Pacs è un istituto giuridico che colmerebbe in Italia un’assenza di tutela verso le coppie di fatto eterosessuali e omosessuali. Ci sarà a San Valentino una forte mobilitazione per ribadire il valore della laicità dello Stato che non impone una morale assoluta e unica per tutti ma che consente al libero cittadino di decidere della propria esistenza e dei propri affetti”.
“La classe politica – aggiunge Zan – si deve opporre con senso di responsabilità alle continue ingerenze che arrivano dalla Chiesa Cattolica. La politica anzichè contribuire alla creazione di uno Stato Etico dovrebbe seguire i principi sanciti dalla Costituzione secondo cui ogni cittadino ha pari dignità sociale ed è uguale di fronte alla legge.
Aurelio Mancuso, Segretario nazionale Arcigay, aggiunge: ”Dentro la Chiesa Cattolica sta montando un fronte di opposizione alle posizioni omofobe del Cardinale Ratzinger prova ne è che alla manifestazione a sostegno del PACS hanno aderito tanti gruppi cattolici e cristiani tra cui molti sacerdoti che saranno presenti a piazza Farnese il 14 febbraio”
Visita lo Speciale Kiss2Pacs, clicca qui!

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...