“Andate al Pride”, quattro pompieri denunciano il sindaco

di

Succede a San Diego, California, dove un gruppo di vigili del fuoco sostiene di avere subito danni morali per avere dovuto partecipare al Pride in rappresentanza dell'intero corpo.

Quattro pompieri hanno denunciato l’amministrazione comunale di San Diego, in California, per averli obbligati a partecipare al Gay Pride durante il quale sostengono di avere subito pesanti avances e di essere stati oggetto di attenzioni da parte di uomini che simulavano atti sessuali.

I quattro pompieri adesso pretendono un risarcimento danni e il rimborso della terapia alla quale si sono dovuti sottoporre riprendersi da questo "trauma motivo". "Sono stati umiliati e disonorati" ha dichiarato il loro avvocato. Il procuratore, Michael Aguierre ha dichiarato che la politica della città non permette discriminazioni sulla base dell’orientamento sessuale e che i vigili del fuoco e altri corpi sono tradizionalmente rappresentati al Pride. Ha aggiunto che anche il sindaco, alcuni consiglieri comunali e persino il capo della polizia hanno preso parte alla parata "con buon umore ed orgoglio".

Il processo è iniziato martedì scorso e durerà tre settimane.

E, no, i quattro vigili del fuoco ritratti nella foto non sono i protagonisti di questa vicenda. Ma sono pompieri, sono quattro e non sono per niente male. Che volete di più?

Leggi   Dopo la Pride reaction c'è chi chiede la Cross reaction contro i diritti LGBT
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...