Apple contro la Prop. 8: “E’ un problema di diritti civili”

di

L'azienda di Cupertino si dichiara a favore delle nozze gay in California e dona 100.000 dollari alla campagna referendaria. "I diritti fondamentali prescindono dall'orientamento sessuale"

576 0

"Apple è stata tra e prime aziende in California ad offrire pari diritti e benefici ai partner dello stesso sesso dei propri impiegati e crediamo fermamente che i diritti fondamentali di una persona, compreso quello di sposarsi, debbano prescindere dal suo orientamento sessuale. Apple vede questa come un problema di diritti civili, piuttosto che come una questione politica, ed è per questa ragione che si esprime fermamente contro la Proposition 8".

Con queste parole l’azienda fondata e presieduta da Steve Jobs ha accompagnato la donazione di 100.000 dollari alla campagna contro la legge che vuole vietare le nozze tra persone dello stesso sesso in California. Apple segue di qualche giorno l’esempio di Google e di alcune star del mondo dello spettacolo come Steve Spielberg e Brad Pitt. Tra le grosse aziende della famosa Silicon Valley, solo Yahoo! non ha preso posizione in merito alla questione.

Il prossimo 2 novembre i californiani saranno chiamati ad esprimersi, tramite un referendum, a per l’abolizione della legge che consente le nozze tra persone dello stesso sesso, ovvero pro o contro la ormai famigerata Proposition 8.

Leggi   In Italia il matrimonio gay è vietato dalla Costituzione?
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...