Arcigay, giudice reintegra Marrazzo, ma la querelle prosegue

di

Arcigay Roma: "Il giudice ha reintegrato Fabrizio Marrazzo". Arcigay Nazionale però precisa: "Non si tratta di un provvedimento definitivo e la valutazione etica sulla persona resta la stessa".

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
2233 0

Prosegue la querelle tra Arcigay Nazionale e Arcigay Roma. Quest’ultima ha fatto sapere che "il Tribunale civile di Bologna ha reintegrato Fabrizio Marrazzo" che a questo punto "torna socio e consigliere nazionale di Arcigay". Il provvedimento voluto dalla dirigenza nazionale dell’associazione quando espulse l’allora presidente del circolo romano insieme al suo vicepresidente Alessandro Poto sarebbe così annullato. Eppure dall’associazione nazionale non sembrano pensarla così. Da Arcigay fanno sapere, infatti, che il "decreto di reintegro", che quindi non è una sentenza, "non ha per nulla natura definitiva rispetto agli effetti del provvedimento di revoca della qualifica di socio", effetti che – precisano – "sono solo sospesi in attesa di ulteriore giudizio della Magistratura".

Se per il diretto interesato la decisione della magistratrura "fa finalmente chiarezza su questa pagina davvero triste per Arcigay tutta", per l’associazione non finisce qua visto che la decisione sull’espulsione di uno dei soci più in vista fu presa "per motivi ritenuti gravi". Diversa anche la valutazione dei risultati del circolo romano, una "una realtà solida sul territorio – per Marrazzo – che ha dialogato con la città e con le istituzioni in modo politicamente bipartisan e che e’ diventata un punto di riferimento per la comunità lesbica, gay e trans anche per l’eccellenza dei suoi servizi sociali"; una associazione parallela, invece, secondo Arcigay Nazionale che rispondeva a se stessa senza ormai più il criterio dell’appartenenza agli organi centrali.

Oltre a tutto questo, c’è però anche un risvolto penale. Marrazzo ha infatti rivelato che "due persone sono indagate dalla procura di Roma per false dichiarazioni e furto" a causa della "macchina del fango allestita e basata su dossier costruiti ad arte per mettere in cattiva luce molte persone". Accuse che naturalmente dall’associazione nazionale respingono "stigmatizzando severamente i toni di sfida, le gravi affermazioni, e la minaccia di ulteriori azioni legali risarcitorie da parte del sig Marrazzo".

Il caso Marrazzo è lontano dall’essere concluso.

Leggi   Roma, nella notte molotov contro la discoteca di Muccassassina
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...