Assolto il ragazzo che confessò l’omicidio dell’imprenditore gay

di

Dopo la confessione aveva ritrattato. Scagionato da tre uomini, ora accusati di omicidio.

4020 0

Assolto. E’ questo il verdetto emesso dai giudici del Tribunale per i Minori di Palermo nei confronti di Andrea G. che aveva confessato l’omicidio dell’imprenditore gay Massimo Pandolfo , avvenuto lo scorso anno. Il ragazzo, che all’epoca dei fatti aveva 17 anni è stato scagionato dopo un anno di detenzione al carcere minorile Malaspina del capoluogo siciliano.
Il pm Caterina Bartolozzi aveva chiesto 18 anni e 6 mesi di detenzione, sebbene il ragazzo avesse poi ritrattato la confessione. Ma Andrea è stato scagionato da Giuseppe Pollicino e Giampiero Managò, di 19 e 20 anni, e Andrea S., anch’egli minorenne all’epoca dei fatti.

I primi due sono ora accusati dell’omicidio in un processo in corso presso il Tribunale, mentre il terzo ha chiesto il rito abbreviato davanti al gup del Tribunale per i minori.
L’omicidio si era consumato il 25 aprile del 2013 nel quartiere Acqua dei Corsari di Palermo. Secondo la prima ricostruzione degli inquirenti, Pandolfo aveva con Andrea G. un appuntamento a scopo sessuale dato che il ragazzo era solito prostituirsi per soldi. La lite che si è conclusa con l’omicidio di Pandolfo sarebbe nata perché il ragazzo si sarebbe rifiutato di assecondare alcune richieste dell’imprenditore.

Leggi   Silvana De Mari lancia crociate contro il sesso anale direttamente dall'altare
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...