Bari Pride: sì a patrocinio. Bucciero isolato

di

Il centrodestra autorizza la manifestazione dopo un vertice col sindaco. L'Arcigay: sarà una festa.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


BARI – Il sindaco di Bari, Simeone Di Cagno Abbrescia ed i capigruppo della sua maggioranza di centrodestra, hanno manifestato orientamento favorevole ad ospitare il «Gay pride 2003». La decisione è stata presa dopo una riunione tenutasi ieri, durante la quale i capigruppo della Casa delle libertà (An, FI, Ccd, Cdl, Liberali) non hanno mostrato alcuna preclusione all’ipotesi ventilata da qualche giorno che la manifestazione si snodi per le vie cittadine. È stato chiesto solo qualche chiarimento in merito al programma e la «garanzia della sobrietà».

Michele Bellomo, presidente dell’Arcigay «G.Forti» di Bari si dice soddisfatto: «Complimenti al Comune di Bari che dà un forte segnale di libertà nei confronti di una minoranza. D’altronde il sindaco ha avuto parole bellissime per noi. Spero che quel giorno ci onorerà della sua presenza».

Deluso il senatore di An, Ettore Bucciero, che prende le distanze dalla decisione del Comune e ancora una volta è in disaccordo col centrodestra cittadino. «Mi auguro – dichiara – che giunta o consiglio comunale impongano alla manifestazione vincoli e condizioni tali da non consentire scandalo a tutela del comune senso del pudore e dell’infanzia in particolare».

La manifestazione dell’orgoglio omosessuale si dovrebbe svolgere nel capoluogo pugliese il prossimo giugno (è da stabilire se il primo oppure il secondo sabato del mese).

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...