Berlinale: Lifshitz vince il Teddy Bear

di

'Wild Side', intenso dramma su un transessuale prostituto 32enne, ha vinto il Teddy Bear 2004 come miglior film gay del Festival di Berlino.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


BERLINO – Sébastien Lifshitz con ‘Wild Side’, intenso dramma su un transessuale prostituto 32enne, ha vinto il Teddy Bear 2004 come miglior film gay del Festival di Berlino per “la bellezza e onestà senza compromessi della sua storia e per il tenero ritratto dei suoi personaggi”. I 3000 Euro del premio sono offerti da sponsor che sostengono la comunità gay-lesbica di Berlino.

Il premio per il miglior documentario (anch’esso di 3000 Euro, offerto da elledorado e.V.) è andato a ‘The Nomi Song’ del tedesco Andrew Horn “per la straordinaria descrizione della vita di un’icona del pop gay e la sua notevole influenza nello spirito del tempo”. Miglior cortometraggio è stato scelto lo spagnolo ‘¿Con qué la lavaré?’ di Maria Trénor “per il suo intreccio di musica e suoni naturali con immagini sorprendenti ispirate dal lavoro di artisti gay contemporanei”.

I 3000 Euro del premio sono offerti da Haarwerkstatt Berlin. Un Teddy speciale è stato assegnato alla casa di distribuzione ‘Edition Salzgeber’. Il premio dei lettori della rivista gay Siegessäule va a ‘D.E.B.S’ di Angela Robinson.

Il 54esimo Festival di Berlino si è concluso con la vittoria dell’Orso d’Oro da parte del film tedesco ‘Gegen die wand’ (Head On) di Fatih Akin, storia d’amore tra due turchi emigrati in Germania.

Gran premio della Giuria a ‘El abrazo partido’ (Lost Embrace) di Daniel Burman, segnalato anche per il miglior attore Daniel Hendler. Miglior regista il trasgressivo Kim Ki-Duk con ‘Samaria’ (Samaritan Girl). Migliore attrice ex-aequo Catalina Sandino Moreno per ‘Maria, llena eres de gracia’ (Maria Full of Grace) di Joshua Marston e Charlize Theron per il ruolo della serial killer lesbica Aileen Wuornos in ‘Monster’ di Patty Jenkins. Migliore musica l’italiana Banda Osiris per ‘Primo Amore’ di Matteo Garrone.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...