Bologna: il Cassero lancia Gender Bender

di

Il circolo Arcigay "il Cassero" di Bologna, da 20 anni attivo sotto le due torri, ottiene dal Comune "il riconoscimento della funzione pubblica" svolta a favore della città.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


BOLOGNA – Il circolo Arcigay “il Cassero” di Bologna, da 20 anni attivo sotto le due torri, ottiene dal Comune “il riconoscimento della funzione pubblica” svolta a favore della città. L’aver affidato in convenzione all’Arcigay la nuova sede della Salara, all’interno del Polo delle Arti nell’ex Manifattura Tabacchi, rappresenta quindi da parte del Comune l’affermazione del lavoro sinora portato avanti dagli 8 mila soci dell’Arcigay bolognese, di cui circa 5 mila soci anche del Cassero. A sottolineare il valore dell’attività svolta dal circolo sono Paolo Salerno e Daniele Del Pozzo, rispettivamente responsabile del Centro di Documentazione e delle Attività Culturali, ascoltati oggi in udienza conoscitiva dalla Commissione Cultura di Palazzo d’Accursio.
La prima iniziativa organizzata nel nuovo polo della manifattura è stata promossa proprio dal circolo, con il coinvolgimento degli altri soggetti – DAMS, Cineteca e Galleria d’Arte Moderna in testa – che hanno trovato sede nell’ex Manifattura: si svolgerà dal 13 al 23 novembre, ed è intitolata “Gender Bender”.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...