Brasile: a Rio un Vescovo pro-gay

di

Insediatosi nella metropoli brasiliana da pochi giorni, Eusebio Oscar Scheid fa esternazioni a favore della legalizzazione delle droghe e non condanna l'omosessualità.

540 0

E’ Arcivescovo di Rio de Janeiro da pochi giorni, ma già suscita scalpore con le sue prime dichiarazioni. Eusebio Oscar Scheid si è dichiarato in un’intervista al settimanale brasiliano ‘Isto È’ favorevole alla legalizzazione di tutte le droghe, leggere e pesanti e ha invitato tutti a non condannare l’omosessualità.

«Sappiamo ben poco di ciò che porta all’omosessualità – ha dichiarato l’Arcivescovo – è un fenomeno, perciò la persona che si trova in quella situazione merita tutto il rispetto. L’omosessuale può non aver colpa, e anche se l’avesse merita rispetto: dopotutto, chi non sbaglia?»

A proposito delle droghe, ha poi dichiarato: «Premetto che considero le droghe nocive qui e in qualsiasi posto, ma la strategia a lungo termine è verso la legalizzazione. Depenalizzare le droghe in tutto il mondo sarebbe un passo importante per l’umanità».

«Non credo che la legalizzazione degli stupefacenti aumenterebbe il numero di drogati, al contrario – ha proseguito l’alto prelato – Ma tutti, io compreso, dovremmo fare una campagna sul male che la droga causa. Il grande problema con cui ci si va a scontrare in questo campo sono i grandi capitali che sono investiti nel mercato della droga».

Leggi   Brasile, boom per il primo Pride senza sovvenzioni pubbliche
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...