‘Bush censura ricerce scientifiche scomode’

di

Un gruppo di 60 scienziati, tra i quali 12 premi Nobel, denunciano come i risultati di rapporti di ricerche scientifiche - su argomenti come effetto serra o Aids...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


WASHINGTON – La Casa Bianca di George Bush censura sistematicamente i risultati di ricerche scientifiche, condotte per conto di agenzie federali, che sono “in contrasto con gli obiettivi politici dell’amministrazione”. E’ l’accusa lanciata da un gruppo di 60 scienziati, tra i quali 12 premi Nobel, che denunciano, in una dichiarazione pubblicata dall'”Union of concerned scientists”, come i risultati di rapporti di ricerche scientifiche – su argomenti che vanno dall’effetto serra alla lotta all’Aids – siano stati censurati o distorti nei loro contenuti.
“Su un’ampia serie di questioni, l’amministrazione ha messo a repentaglio la qualita’ del sistema di consulenza scientifica ed il morale dello straordinario gruppo di scienziati al servizio del governo” ha dichiarato il presidente dell’associazione degli ‘scienziati preoccupati’ professore emerito di Fisica alla Cornell University, Kurt Gottfried.
Gli scienziati, ha voluto sottolineare il fisico, “non mettono in discussioni la linea politica dell’amministrazione, ma le distorsioni imposte dall’amministrazione alle ricerche scientifiche collegate ai suoi obiettivi scientifici”. A puntare il dito contro l’amministrazione Bush anche Russel Train, che ha guidato l’Agenzia per la protezione dell’Ambiente (Epa) durante le amministrazioni repubblicane Nixon e Ford: “questa amministrazione – ha detto – ha ostacolato la liberta’ e distorto l’oggettivita’ in un modo che non e’ mai avvenuto nelle passate amministrazioni”.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...