Bush nega l’appoggio al Gay Pride

di

Giugno non sarà più, come aveva stabilito Clinton nel '99, il Mese dell'Orgolio Gay. Bush ha negato il riconoscimento, affermando di non voler politicizzare l'orientamento sessuale dlele persone.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Le celebrazioni del Pride in tutti gli USA dovranno andare avanti senza il riconoscimento della Casa Bianca, quest’anno.

Il presidente George W. Bush non proclamerà questo giugno "Mese dell’Orgoglio Gay", rompendo la tradizione stabilita nel 1999 dal suo predecessore Bill Clinton. Il portavoce della Casa Bianca Scott McClellan ha detto che, mentre Bush pensa che tutte le persone dovrebbero essere trattate con "dignità e rispetto", egli "non crede nel dare un carattere politico all’orientamento sessuale delle persone".

"Il rifiuto di venire incontro alla nostra comunità chiama in causa la sua promessa di essere presidente di tutte le persone" ha detto alla Associated Press, David Smith, un portavoce per la Human Rights Campaign (una organizzazione glbt). Smith ha detto che da quando si è insediato in gennaio, Bush è venuto incontro ad altri gruppi di sostenitori, firmando proclami per il mese della Storia Nera, il mese della Storia delle Donne e il mese dell’Eredità Irlandese-Americana.

L’ufficio del nuovo presidente segnerà il passo anche nello sponsorizzare ogni attività o cerimonia che celebri questo mese, secondo una nota inoltrata ai manager dell’amministrazione la scorsa settimana.

"L’ufficio esecutivo del presidente non sponsorizzerà una cerimonia per il Mese dell’Orgoglio Gay e Lesbico – si legge nella nota – L’ufficio esecutivo del presidente continuerà a osservare, in qualche forma o maniera, i programmi con enfasi speciale che sono tradizionalmente riconosciuti attraverso l’Affirmative Employment Program. Quei programmi riconoscono le minoranze e le donne che sono state tradizionalmente sotto-rappresentate nella forza lavoro".

Secondo la Ap, alcuni altri uffici esecutivi particolari, inclusi i Dipartimenti dei Trasporti o dell’Interno, stanno ancora progettando le loro celebrazioni per il mese del Gay Pride.

di Gay.com

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...