Cagliari: rassegna di cinema a tematica gay

di

Dopo molti anni di assenza, Cagliari ospita una rassegna cinematografica a tematica GLBT garzie all'Associazione Culturale ARC.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
694 0

CAGLIARI – Dopo molti anni di assenza, Cagliari ospita una rassegna cinematografica a tematica GLBT (gay, lesbico, bisessuale e transessuale). Con questa prima rassegna, dal titolo “Uno sguardo normale – La differenza sta negli occhi di chi guarda”, l’Associazione Culturale ARC, in collaborazione con il Circolo del Cinema Charlie Chaplin e con il contributo dell’ERSU, vuole offrire anche al pubblico cagliaritano, un cartellone di film che tenti di mostrare i tanti volti del mondo GLBT.
I cinque film scelti propongono diversi spaccati di una realtà complessa e articolata, invitando ad un confronto con il mondo GLBT.
La rassegna si terrà nei giorni dal 8 al 12 luglio 2003 alle ore 21 presso la sala congressi della CGIL di Cagliari in viale Monastir 17 (locale climatizzato)
INGRESSO GRATUITO
con tessera FICC (costo tessera 2002/03: 3 euro)
Di seguito i titoli:
Martedì 8: Get Real – Vite nascoste
(Simon Shore, Gran Bretagna, 1998)
Mercoledì 9: L’altra metà dell’amore
(Léa Pool, Canada, 2001)
Giovedì 10: Peccato che sia maschio
(Rolf Silber, Germania, 1997)
Venerdì 11: Krampack
(Cesc Gay, Spagna, 2000)
Sabato 12: Hedwig – La diva con qualcosa in più
(John Cameron Mitchell, Stati Uniti, 2001)
I film saranno seguiti dalla proiezione dei:
I corti di Bavo Defurne
(Bavo Dedurne, 1998, Belgio)
In sala saranno raccolte le firme a sostegno della petizione nazionale per l’approvazione di una legge sul PACS (patto civile di solidarietà).
Sempre il giorno 8 Luglio l’Associazione Culturale ARC sarà anche presente con un proprio banchetto per la raccolta firme e distribuzione di materiale all’inaugurazione della nuova serata del martedì: “Gaysha” presso la discoteca Buddha Beach (Loc. Costa degli Angeli, Quartu S.E. ore 23), organizzata dal Go Fish.

Leggi   Cagliari, 'perché non resti maschio se sei maschio': Dottoressa insulta paziente transgender
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...