CALIGARIS: SI’ AI GAY NELL’ESERCITO

di

Intervista al generale che apre le caserme a gay e lesbiche.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
504 0
504 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Il generale Luigi Caligaris, ex-deputato europeo per le fila di Forza Italia, è un uomo che sa dire i fatti come stanno, uso a fare notizia con dichiarazioni fuori dai ranghi. L’ultima arriva dalle pagine del Corriere di oggi, mercoledì 6 giugno, dove in un’intervista sulla carenza di organico nelle forze armate italiane, il generale si dichiara favorevole a accogliere i gay dichiarati, oltre agli extra-comunitari che, dopo cinque anni di servizio, potrebbero essere premiati con la cittadinanza italiana.

Noi lo abbiamo intervistato, per saperne di più di questa benedetta storia dei gay nell’esercito.

Generale, è vero che lei è favorevole ad accogliere i gay nell’Esercito, per risolvere il problema della carenza di personale?

I gay nell’Esercito ci sono sempre stati. Ma questo non significa che possano essere una buona risorsa per aumentare le fila dell’Esercito. Io ho posto il problema dei gay per indicare una cosa: che il problema della riforma è un problema di altissimo contenuto politico, sociale, oltre che economico, e non si può trattare in termini di numeri da acquisire. Tra gli esempi di ordine sociale, sono venuti fuori il problema dei gay, che è un problema di ordine sociale, che la società deve affrontare e risolvere, e il problema degli extra-comunitari, come risorsa non come problema.

Ma dunque lei è daccordo nell’arruolare i gay dichiarati che mantengano in caserma un atteggiamento decoroso?

Non c’è dubbio! Come in Francia e in Gran Bretagna dove non hanno nascosto il problema; è inutile guardare con sufficienza i gay conosciuti non dichiarati, come avviene in tutti gli ambienti.

Si riconosce che ci sono, sono una categoria abbastanza ampia: se vogliono fare il militare si devono obbligare a quel rigore di comportamento che è richiesto tra l’altro anche agli eterosessuali. Come agli eterosessuali uomini e donne, viene chiesto di non fare sesso in caserma, ma di farne un atto privato e personale, così questa regola vale per gli altri. Se poi in privato vogliono fare quello che vogliono fare, è un loro diritto.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...