Campania: benefici a partner consiglieri regionali

di

Approvata una 'leggina' che prevede l’estensione della reversibilità del vitalizio e del contributo di decesso, riconosciuto agli ex consiglieri, pure al compagno o alla compagna superstite.

587 0

NAPOLI – E’ stata approvata dal Consiglio regionale della Campania lo scorso 15 febbraio, ma resa nota solo in questi giorni, una ‘leggina’ che prevede l’estensione della reversibilità del vitalizio e del contributo di decesso, riconosciuto agli ex consiglieri, pure al compagno o alla compagna superstite, “anche in caso di unioni di fatto stabili, conclamate ed accertate”, come recita testualmente il nuovo articolo, cioè anche fuori del matrimonio.
Un riconoscimento importante delle coppie di fatto, secondo il Circolo Coming Out di Caserta, che tuttavia, nel caso specifico, vale “solo se queste coppie sono composte da almeno un consigliere regionale”.
“Crediamo che, dopo il reddito di cittadinanza, di fatto, allargato anche ai nuclei familiari non fondati sul matrimonio, e questa novità odierna, tuttavia prevista solo per alcuni “eletti”, sia necessario che la Regione Campania si dia, in maniera stabile e, dunque attraverso il proprio nuovo Statuto, questa come regola di tutte le proprie politiche economiche e sociali”.
“Confidiamo nel fatto che il nuovo Consiglio non darà ascolto a chi già chiede che questa norma sia cancellata, riprendendola invece con forza, ed anzi allargandola a tutti i cittadini campani, attraverso la prossima discussione sullo Statuto, non approvato in via definitiva dal precedente Consiglio.

Leggi   Procida, serata con consumazioni omaggio agli uomini "vestiti da gay": è polemica
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...