Canada: parte il primo maxi-processo gay

di

I gay e le lesbiche canadesi chiedono risarcimenti per 400 milioni di dollari al governo canadese in virtù della legge sui diritti ereditari.

600 0

Alcuni avvocati in quattro città canadesi hanno annunciato martedì un processo di classe da 400 milioni di dollari contro il governo del paese attraverso il quale chiederanno risarcimenti per i sopravvissuti di circa 10.000 coppie gay e lesbiche. Nel processo si accusa i l governo di aver arbitrariamente escluso una vasto numero di gay e lesbiche che hanno perso il loro partner tra il 1985 e il 1998.

Si tratta del primo grande processo mai celebrato dai gay in Canada.

Nel 2000 il governo federale aveva riconosciuto i diritti di partenariato alle coppie gay. La legge, la C-23, prevedeva che i benefici ereditari fossero riconosciuti solo nel caso che il partner fosse morto dopo il 1998.

Attraverso il processo, si vuole che il governo sposti indietro il limti eal 1985, quando cioè la Carta dei Diritti e delle Libertà della Costituzione è entrata in vigore, garantendo i diritti dei gay e delle lesbiche.

L’avvocato Patricia LeFebour ha detto che molti dei sopravvissuti che hanno aderito al processo sono anziani, molti malati, e sono nella disperata necessità del denaro che ammonterebbe a circa 4000 dollari per ciascun sopravvissuto.

«Stiamo solo chiedendo che i partner gay e lesbiche vengano trattati egualmente con gli altri vedovi e vedove in Canada» ha detto LeFebour a 365gay.com.

di Gay.com

Leggi   Un ristorante in cui tutto lo staff ha l'HIV: il progetto contro lo stigma
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...