Carcere meno pesante per Rouslan Sharipov

di

Il giornalista uzbeco condannato a quattro anni di prigione per omosessualità, beneficia dal 12 marzo 2004 di condizioni di detenzione più leggere.

645 0

PARIGI – In occasione della visita di Chris Patten a Tachkent, dove deve incontrare il presidente uzbeco Islam Karimov, l’associazione Reporters San Frontières ha messo in avviso il commissario europeo alle relazioni esterne sulle sorti di Rouslan Sharipov e di quattro altri giornalisti incarcerati. In un comunicato, l’associazione dichiara di aver “particolarmente insistito” sul caso di Rouslan Sharipov, imprigionato dal 26 maggio 2003 e condannato a quattro anni di prigione per omosessualità e relazioni sessuali con minori.
Reporters sans Frontières considera che «l’obiettivo di questo processo iniquo è stato di far tacere una voce dissidente e di mettere in guardia gli altri giornalisti e difensori dei diritti dell’uomo uzbechi».
Si registra tuttavia anche una buona notizia: «In ragione della pena già scontata e della sua buona condotta, Rouslan Sharipov beneficia di condizioni di detenzione più leggere». L’associazione parla anche di una possibile scarcerazione nel giugno prossimo, le cui modalità però non sarebbero ancora state rese pubbliche.

Leggi   Omofobia in Calabria, Booking.com lancia il comunicato: "Struttura rimossa, non tolleriamo discriminazioni"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...