Caserta: due giorni per il PaCS

di

Dopo il successo del GAY DAY del 28 giugno scorso, il Circolo di Iniziativa e Cultura Omosessuale Coming Out fissa due appuntamenti: l'11 a Capua e il 18...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
643 0

CASERTA – Dopo il successo del GAY DAY, tenutosi lo scorso 28 Giugno in Piazza Vanvitelli a Caserta, con il Patrocinio del Comune di Caserta, con la partecipazione di Amnesty International e della Libreria Mercurio di Napoli, con la presenza di Michele Bellomo, Portavoce nazionale del Bari Pride 2003, e la risposta entusiasmante della popolazione della città capoluogo (sono state raccolte più di centro firme a sostegno della petizione nazionale per l’approvazione di una legge che introduca, anche in Italia, i PACS, Patti Civili di Solidarietà, e distribuiti circa mille volantini), il Circolo di Iniziativa e Cultura Omosessuale Coming Out ha deciso di ripetere l’esperienza e moltiplicare le iniziative anche in altre città di Terra di Lavoro.
In questo senso sono già stati fissati i prossimi due appuntamenti:
il primo si terrà a Capua, in piazza dei Giudici, venerdì 11 Luglio, dalle ore 17:00 alle 21:00. Anche in quest’occasione sarà allestito uno stand per la distribuzione di materiale informativo: un fumetto, tra le altre cose, sulle unioni civili e sui diritti a queste negati. Continuerà, poi, la raccolta di firme per l’approvazione di una legge che istituisca, anche in Italia, i PACS: questi costituirebbero un ulteriore strumento, non alternativo al matrimonio, ma di semplice arricchimento del quadro delle opportunità giuridiche, per quelle coppie, sia omosessuali sia eterosessuali, che non possono o non vogliono ricorrere all’istituto matrimoniale per regolare i propri rapporti. Nell’Unione Europea, di cui l’Italia ha, di qui ai prossimi sei mesi, la Presidenza, già 11 Stati su 15 riconosco ampie tutele contro le discriminazioni e, più o meno estesi diritti alle coppie di fatto omosessuali. Il nostro Paese non è tra questi: oggi, le cosiddette unioni civili, o coppie di fatto, non hanno alcun diritto e dopo una vita assieme, i componenti della coppia sono, per lo Stato Italiano, degli estranei.
Gli attivisti del Circolo esporranno, inoltre, tabelloni con stralci di storia delle persecuzioni degli omosessuali da parte dei vari regimi totalitari e delle chiese e offriranno confetti dei colori della Rainbow Flag (Bandiera Arcobaleno): la bandiera del movimento gay mondiale, da non confondere – benché molto simile – con la Bandiera della Pace, con la quale, tuttavia, condivide l’ideale di rispetto delle differenze.
Sarà nuovamente presente all’iniziativa anche la Libreria Mercurio, prima libreria in Campania, ed in quasi tutto il Sud, specializzata in tematica glbt (gay, lesbiche, bisessuali e transessuali).
Più in generale, l’appuntamento di Capua sarà l’occasione per far conoscere il Circolo Coming Out anche al di fuori della città di Caserta, ed altri appuntamenti, in giro per la Provincia, seguiranno nei prossimi mesi.
L’altro appuntamento è fissato, di nuovo nella città capoluogo, per venerdì 18 luglio, dalle 17 alle 21, in Largo San Sebastiano.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...