Cattolica, coppia lesbica vittima di un condomino omofobo

di

L'uomo avrebbe anche bucato una ruota del loro scooter.

6316 3

L’ultimo caso di omofobia giunge da Cattolica, dove Beatrice ed Elena sono state insultate (e non solo) perché lesbiche.

Un uomo, che risiede nello stesso condominio della coppia, ha iniziato a insultarle dopo aver scoperto la relazione tra le due e ne ha parlato con un’altra donna del condominio, la quale però ha rivelato tutto alle dirette interessate. L’amministratore di condominio ha ammesso in seguito di aver ricevuto dall’uomo messaggi e telefonate carichi di rabbia. Ma le angherie non sono finite qui: negli scorsi giorni la coppia ha trovato una gomma dello scooter bucata con un cacciavite.

Le ragazze, ormai convinte a trasferirsi da Cattolica, hanno cambiato idea grazie al supporto della sopracitata donna, che le ha spinte a rimanere e a denunciare.

Dura condanna da parte di Marco Tonti, presidente Arcigay di Rimini: “Ogni giorno le persone LGBT devono affrontare piccole e grandi angherie, offese sparate alle spalle, ripicche e danneggiamenti. Quella che pare una banale lite condominiale è invece un sintomo di un male che è ancora profondamente radicato nella società, di quell’omofobia malvagia che ogni giorno dobbiamo fronteggiare”.

Dopo i fatti di Forza Nuova a Cesena, ecco un’altra dimostrazione dell’impellenza di una legge regionale contro l’omofobia anche in Emilia-Romagna, come già approvata da altre regioni: in ultimo la Puglia.

Arcigay Rimini garantisce pieno sostegno alla querela sporta dall’avvocata Agnese Canfora per conto delle due vittime.

Leggi   Mamma lesbica italiana fa causa agli Stati Uniti per la cittadinanza del suo bambino
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...