Cheney difende vita privata figlia lesbica

di

Il vice-presidente Usa Dich Cheney ha voluto prendere una posizione netta per difendere la vita privata della figlia, che è lesbica.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
956 0

WASHINGTON – Compattamente schierato a fianco del presidente George W. Bush che ha chiesto venga inserito in Costituzione il divieto di matrimonio per le coppie dello stesso sesso, il vice-presidente Usa Dich Cheney ha voluto prendere una posizione netta per difendere la vita privata della figlia, che è lesbica.
Intervistato dalla Cnn a proposito della sua posizione, Cheney (che in un primo tempo aveva detto che toccava ai singoli Stati decidere sulla delicata questione dei matrimoni gay) si è riallineato con Bush: si tratta di “una decisione che spetta al presidente”, ha osservato, “e io lo appoggio”. Ma ha voluto alzare un alone di protezione sulle scelte della figlia, Maria (34 anni), dichiaratamente gay e impegnata con un ruolo di spicco nella campagna per la sua rielezione. “Uno dei più spiacevoli aspetti è quanto profondamente le vite private vengano invase quando emergono alla luce questi fatti. Io ho davvero sempre considerato privata la vita delle mie figlie e penso che così debba rimanere”.
Un’associazione a tutela dei diritti dei gay ha lanciato una campagna per sollecitare Mary Cheney a scendere in campo pubblicamente contro la decisione di Bush di presentare un emendamento costituzionale contro i matrimoni gay.

Leggi   Stati Uniti, Dipartimento di Giustizia cerca di nascondere i crimini d'odio contro i giovani LGBT
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...