Cinema: per Baron Cohen un film sul gayo mondo modaiolo

di

Dopo “Borat” il comico inglese Sasha Baron Cohen prepara un film che ha per protagonista Bruno, telegiornalista ultragay sguinzagliato tra le passerelle del mondo della moda.

HOLLYWOOD – L’esplosivo e controverso comico inglese Sasha Baron Cohen conteso tra diverse case cinematografiche per realizzare un film ambientato nel gayo mondo modaiolo. “Borat”, il suo ultimo film, è stato recentemente presentato alla prima Festa del Cinema di Roma, suscitando curiosità e apprezzamento. Cohen vi interpreta il ruolo di Borat Sagdiyev, un assurdo giornalista del Kazakhistan inviato alla scoperta delle mille facce dell’America. Non sono mancate polemiche e controversie, comprese le rimostranze dei diplomatici kazaki. Stando all’Hollywood Reporter ora varie majors hollywodiane si starebbero contendendo il nuovo progetto del comico, che dovrebbe concentrarsi su un altro dei suoi personaggi culto: Bruno (nella foto), gayssimo telegiornalista austriaco specializzato sul mondo della moda giovane e determinato a dimostrare che, dopo tutto, gli stilisti salvano molte più vite di quanto non facciano i dottori. Teoria strampalata quanto il personaggio, uno il cui senso estetico gli fa ritenere che Osama Bin Laden sia quanto di meglio vestito ci sia in giro per il mondo.
Baron Cohen è un vero e proprio cavallo pazzo che è esploso in tv grazie al suo irriverente ”Da Ali G Show” e passato poi al cinema, anche qui esibendo la sua personalissima comicità scurrile tutta basata sulla sorpresa e sullo spiazzamento delle “vittime”. Certamente il suo ritratto del fashionista gay non mancherà di offendere qualcuno ma Cohen è da sempre politicamente scorretto a 360 gradi, accusato di volta in volta di essere omofobo quanto antisemita, lui che è ebreo.
(Roberto Taddeucci)

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...