Claudia Zanella: “E se mia figlia fosse lesbica?” #intervista

di

L’attrice più bella del cinema italiano parla a ruota libera di alimentazione vegana e della sua nuova vita da mamma friendly

claudia_zanella
16011 0

C’è sempre una prima volta e la mia prima volta è con l’attrice, scrittrice, pittrice, modella e naturopata Claudia Zanella. Sia ben chiaro, non si parla di quella prima volta lì, ma di un’intervista esclusiva che la bella attrice mi ha rilasciato via WhatsApp. “Sono diventata mamma, da poco più di due mesi, della piccola Penelope Nina e le note audio, durante le poppate, sono davvero una svolta”. Così inizia la mia sorprendente chiacchierata con la protagonista del romanzo di Fausto Brizzi (suo marito dal 2014, ndr) “Ho sposato una Vegana” e, tra una nota audio e l’altra, l’attrice più alternativa del cinema italiano si racconta e s’interroga, come (forse) non ha davvero fatto mai, su alimentazione, cinema, bellezza e mondo gay!

Claudia_zanella_fausto_brizzi
Claudia Zanella: vegana!

Esatto..

Sì, ok. Tutto bello e molto interessante, ma lei è anche una bravissima attrice, scrittrice, pittrice ed è anche una naturopata scientifica. Non ha paura che il suo stile di vita possa prendere il sopravvento sulla sua carriera?

Io sono il mio stile di vita e, il mio stile di vita green guida anche le scelte della mia carriera. Le faccio un esempio: qualche mese fa sono stata chiamata per fare la pubblicità di uno yogurt che produce un’azienda molto famosa. Aldilà del fatto che non consumo latticini, ho declinato l’offerta perché non mi riuscivano a garantire che le loro mucche vivessero libere e felici. Avevo paura che alle spalle ci fosse un allevamento intensivo.

Claudia_zanella_figli_diritti_lgbt_trono_gay_maria_de_filippiDa poco è anche diventata anche mamma della piccola Penelope Nina (avuta dal regista Fausto Brizzi, ndr). Come si trova in questa nuova veste?

Si, da due mesi sono diventata mamma di Penelope Nina. Questa nuova veste è bellissima, ma allo stesso tempo molto faticosa. Molto più faticosa di quello che pensavo, in tutta sincerità. Ad un neonato si dedicano davvero ventiquattro ore al giorno ed è per questo che ho preferito fare l’intervista con le note audio. Non riesco mai a prendere un appuntamento essendo tutto così meravigliosamente imprevedibile.

Fece discutere la sua intervista a Vanity Fair dove diceva che avrebbe abituato sua figlia, sin da subito, all’alimentazione vegana. La verità?

La bambina mangerà quello che troverà in casa. Se vedesse il mio frigo, si accorgerebbe che ci sono solo verdure, semi, frutta, frutta secca, legumi e cereali integrali. Quando ho l’occasione mangio anche le uova, ma solo se ho la certezza assoluta che vivono libere e felici.

Claudia_zanella_figli_diritti_lgbt_trono_gay_maria_de_filippiE chi le da questa certezza?

Ho degli amici che hanno una casa in campagna e che hanno tante anatre e galline libere nel loro giardino. Tante uova le covano, mentre molte altre no. Quelle che non vengono covate, perché buttarle? Inoltre io sono una naturopata scientifica e conosco benissimo quali sono i migliori nutrienti per me e per la mia bambina. Suo papà mi ha chiesto di farle mangiare, ogni tanto, anche il pesce e, quando ci sarà l’occasione, non sarò io a vietare questa cosa, perché da naturopata riconosco che il pesce è pieno di proprietà importanti per il nostro organismo. Io ovviamente non mangio pesci, ma è il compromesso che ho trovato con mio marito.

Si definisce: “una ragazza rigida, che si pone sempre domande troppo pesanti.” E se sua figlia un domani le dicesse: “Mamma sono lesbica?

Leggi   Il coming out di questa mamma con la figlia di 5 anni cancella ogni pregiudizio

Andrei subito dalla fidanzata..

Claudia_zanella_fausto_brizziPer dirle cosa?

A chiederle di rendere felice mia figlia. E’ l’unica cosa che m’interessa. Poi tutto il resto non m’interessa. Non voglio sembrare una di quelle che vuol fare la friendly a tutti costi, anzi. Sono cose che penso davvero. Io sono cresciuta nell’ambiente dello spettacolo e si sa che quest’ambiente non ha mai avuto grossi tabù. Sono più o meno venticinque anni che frequento persone con sessualità diverse dalla mia. Proprio l’altro giorno riflettevo sul fatto che l’80% delle mie amicizie sono composte da gay e lesbiche. E le posso dire anche un’altra cosa?

Prego..

Pochi giorni fa accompagnavo una mia amica con la sua bambina all’asilo. La mamma, guardandola, le fa: “C’è qualche bambino che ti piace?” Io l’ho trovata una frase infelice e limitata. Io le avrei chiesto se c’è qualche essere umano che le piaceva. Se stava bene con qualcuno. Non l’avrei mai indirizzata necessariamente da qualche parte. Io, inoltre, visto che siamo nel tema bambini, sono assolutamente favorevole alle adozioni: per single e coppie gay. Non è stato ancora capito che l’adozione non è diritto dell’adulto, ma è un diritto del bambino. Ogni bambino ha il diritto di avere qualcuno che si occupi di lui e poco importa se sia gay o etero. Il bambino necessita di una casa, d’amore, tenerezza e felicità. Un Paese che non riconosce queste cose elementari, è un Paese incivile.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...