Clinton: “Grazie a mia figlia Chelsea ho cambiato idea su nozze gay”

di

Premiato dalla Glaad, l'ex presidente degli Usa, autore del Doma e del DaDt, ha spiegato come ha cambiato idea sui diritti delle persone lgbt grazie alla figlia e...

2831 0

Durante il discorso pronunciato durante la cerimonia in cui la Glaad ha consegnato a Bill Clinton uno dei suoi Media Awards, l’ex presidente ha raccontato che è grazie a sua figlia Chelsea se ha cambiato idea sui diritti delle persone lgbt, matrimonio in testa.
Vale la pena ricordare che è proprio la firma di Clinton che si legge in calce a leggi come il Don’t Ask Don’t Tell e il Defence of Marriage Act, due delle leggi contro cui più strenuamente si è battuta la comunità lgbt statunitense. E mentre la battaglia contro il DaDt è ormai archiviata con una vittoria, quella sul DOMA è nel pieno del suo svolgimento e in attesa di una sentenza della Corte suprema che potrebbe rivelarsi storica.
“Chelsea ha avuto un impatto profondo sul modo in cui vedo il mondo – ha dichiarato Clinton -. E’ umiliante quando si arriva alla mia età e ti accorgi che i tuoi figli ne sanno più di te su tutto”.

“Mia figlia e i suoi amici gay mi hanno insegnato come tutti dovremmo trattare gli altri a prescindere dal loro orientamento sessuale o da qualsiasi altra differenza falsa che possa dividerci – ha aggiunto Clinton. Molti di loro passano con noi il Giorno del Ringraziamento e ho sviluppato un forte legame con loro”.
E a proposito del DOMA, l’ex presidente ha confermato il suo impegno a fianco delle associazioni lgbt. “Voglio continuare a lavorare su questo non solo finché il DOMA non sarà più una legge sulla terra – ha dichiarato -, ma finché tutte le persone, a prescindere da dove vivano, potranno sposare chi amano”.

Leggi   Regione Lombardia, chiude lo sportello antigender?
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...