Compagno di Dalla scompare da tg. Annunziata critica Chiesa

di

Il compagno di Lucio Dalla commuove tutti ma non basterà a far sì che i servizi dei tg parlino di lui come persona dello staff. E Lucia Annunziata...

3618 0

"I funerali di Lucio Dalla sono uno degli esempi più forti di quello che significa essere gay in Italia: vai in chiesa, ti concedono i funerali e ti seppelliscono con il rito cattolico, basta che non dici di essere gay. E’ il simbolo di quello che siamo, c’è il permissivismo purché ci si volti dall’altra parte". E’ quanto ha detto Lucia Annunziata durante la puntata di In Mezz’ora dedicata in parte all’odio omofobico e in cui era ospite il presidente di Arcigay Paolo Patanè e la deputata del PD Paola Concia.

Quello che sembrerebbe un outing postumo della giornalista è in realtà una delle poche prese d’atto della convivenza tra Marco Alemanno e il cantante scomparso. Proprio il compagno di Dalla ha letto un ricordo in parte fuori programma dal pulpito della cattedrale di San Petronio, dove si tenevano le esequie, ma di tutti i telegiornali che hanno dato la notizia soltanto due, RaiNews e Tg2 hanno definito il giovane Alemanno come "compagno". Tutti gli altri si sono avventurati in giri di parole definendolo chi "compagno di lavoro", chi "la persona più vicina a Lucio Dalla" nella migliore delle ipotesi. Pierferdinando Casini, presente alla cerimonia, scrive su Twitter: "Le parole di Marco Alemanno in ricordo di Lucio sono state una testimonianza molto bella di amicizia e affetto". Guai a nominare l’amore.

E se il giovane Alemanno è stato cancellato dalla vita privata del cantante, rischia di scomparire come convivente del suo Lucio anche a causa delle pastoie burocratiche delle pratiche dell’eredità. L’avvocato esperta di diritto di famiglia Annamaria Bernardini De Pace ha spiegato che per la mancanza di una legge sulle convivenze, Alemanno avrà non poche difficoltà nel cercare di ottenere parte del patrimonio del compagno, fra cui ville, terreni, due società, opere d’arte e diritti d’autore. E già si ricorda quando ai funerali del regista Patroni Griffi si scoprì che il figlio adottato qualche anno prima era in realtà il compagno di una vita. L’adozione tra maggiorenni, in questi casi, può essere l’unica soluzione, ma Lucio Dalla non ne ha ha avuto il tempo.

Leggi   Ho 10 canzoni con cui fare sesso e posso ospitare
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...