Conchita Wurst: “Voglio stare una settimana con Putin”

di

Bizzarra richiesta della drag austriaca. Da Cremilino pare abbiano risposto con una risata

4804 0

“Vorrei passare una settimana con Putin”. Conchita Wurst, la drag barbuta vincitrice dell’Eurovision 2014 diventata ormai una vera e propria icona per la comunità lgbt europea, ha dichiarato di volere incontrare il presidente russo, noto per le sue politiche e idee estremamente omofobe.
In un’intervista rilasciata al giornale tedesco Kurier, Thomas Neuwirth (il vero nome di Conchita Wurst) ha dichiarato di essere si curo di potere trovare un dialogo con Vladimir Putin, se avesse la possibilità di passare una settimana intera con lui.
“Non mi rifiuterei di incontrare Putin – ha detto il performer -. Vorrei trascorrere con lui una settimana per poterlo capire meglio. Cosa significa essere Vladimir Putin? A quali pressioni è sottoposto?”. “In fin dei conti – ha continuato – Putin vuole essere rispettato e questo desiderio lo avvicina molto alle minoranze”.

Il presidente russo è noto per essere stato il fautore della legge contro “la propaganda omosessuale” e la promozione di valori legati alla “famiglia non tradizionale”. Questo, naturalmente, non impedisce alle persone lgbt di esistere in Russia, ma fa sì che vengano quotidianamente vessate, aggredite, picchiate e discriminate. Come ricorda Gay Star News, Conchita Wurst ha un forte seguito anche all’ombra del Cremlino. Durante l’Eurovision Song Contest, infatti, è arrivata terza nel televoto degli spettatori russi. “Questo è incredibilmente bello perché dimostra che molti russi non sono d’accordo con le decisioni del proprio governo” ha commentato la drag.
Il responsabile dei rapporti con la stampa di Putin, stando a quanto riporta rt.com, avrebbe reagito alla richiesta di Conchita Wurst con una risata. Insomma, nessun incontro in vista tra la drag più famosa d’Europa e il leader russo. Almeno per ora.

Leggi   Omofobia, Maroni apre a una legge regionale e i suoi followers insorgono
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...