Condannati ad otto anni gli aggressori del cuoco inglese

di

I tre ventenni, ritenuti reposnsabili della brutale aggressione ai danni di un cuoco inglese, avvenuta lo scorso anno a Canazei, sono stati condannati ad una pena maggiore di...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
11540 0

Otto anni di reclusione per tentato omicidio: questa la pena inflitta ai tre ventenni della val di Fassa ritenuti i responsabili di un’aggressione a sfondo omofobo compiuta a Canazei nell’aprile 2010 ai danni di un cuoco inglese. Nel processo per rito abbreviato il Gup del Tribunale di Trento Michele Maria Benini è andato oltre le richieste di pena formulate dai pm, nonostante il risarcimento di 135 mila euro concesso dagli aguzzini nella speranza che il gesto avrebbe "ammorbidito" la pena in caso di condanna.

I tre giovani dovevano rispondere dei reati di tentato omicidio pluriaggravato e violenza sessuale di gruppo. Gli avvocati dei giovani hanno annunciato il ricorso in appello. Il cuoco inglese era stato in un primo tempo aggredito e picchiato di notte all’esterno di un pub da un giovane il quale riteneva di avere subito da lui delle avance sessuali. Secondo l’accusa l’aggressore, assieme a due amici, poco dopo avrebbe incrociato per strada l’inglese, completamente ubriaco.

A questo punto i tre giovani si sarebbe scagliati contro lo straniero picchiandolo a calci e pugni e con assi di legno divelti da una staccionata. Quindi, dopo avergli strappato i vestiti, lo avrebbero sodomizzato con dei bastoni acuminati lasciandolo quindi incosciente sulla neve dove venne rinvenuto da un passante, l’indomani mattina, che si preoccupò di chiamare i soccorsi.

Leggi   Scozia, il Governo si appresta a 'perdonare' le persone in passato condannate perché omosessuali
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...