Condannato per omofobia, resterà a casa per tre mesi

di

Un londinese, riconosciuto colpevole di insulti omofobi ad una coppia gay, è stato condannato a sei mesi di lavoro con i servizi sociali e a rimanere a casa...

856 0

Un uomo di Londra, giudicato colpevole di omofobia, è stato condannato a non uscire di casa dopo le 22 per tre mesi e a prestare servizi utili alla comunità. A riportare la notizia è l’Islington Gazette, lo scorso luglio Dean Orrow ed un complice avevano urlato frasi omofobe contro una coppia gay che si trovava fuori da un negozio di kebab.
La coppia ha riconosciuto Orrow che non era nuovo a questo genere di comportamenti nei loro confronti con la differenza che quella volta l’uomo ha seguito i due mentre tornavano a casa, continuando ad insultarli.
Dato che l’episodio si è ripetuto quindici giorni dopo, la coppia, vedendolo salire in macchina, ha deciso di prendere il numero di targa dell’auto di Orrow e di denunciarlo.
In questo modo la coppia ha potuto denunciare l’uomo che è stato arrestato il 13 agosto successivo.

Il 24 febbraio scorso Orrow è stato giudicato colpevole e condannato a pagare 100 sterline alle vittime e altrettanti per le spese legali sostenute dallo Stato. In più, dovrà lavorare con i servizi sociali per i prossimi sei mesi e indossare per un anno un braccialetto elettronico che lo renda sempre rintracciabile dalla polizia, oltre a non potere uscire di casa per tre mesi nella fascia oraria che va dalle 22 alle 6.
E mentre in Italia il progetto di legge contro l’omofobia è in totale stallo alla commissione giustizia della Camera dei Deputati, il detective Constable Kevin Johansen, che ha guidato le indagini, ha dichiarato al quotidiano: "L’omofobia non è più accettabile in quest’epoca e prendiamo molto sul serio questo genere di crimini".

Leggi   Giulia De Lellis ci ricasca: "Ma lui è gay o normale?"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...