Congresso su Hiv e resistenza farmaci a Roma

di

Sono oltre 400 i delegati, ricercatori e clinici provenienti da tutta Europa, che per tre giorni presenteranno a Roma i risultati scientifici piu' recenti sulla resistenza dell'Hiv.

546 0

ROMA – Sono oltre 400 i delegati, ricercatori e clinici provenienti da tutta Europa, che per tre giorni presenteranno a Roma i risultati scientifici piu’ recenti sulla resistenza dell’Hiv con l’obiettivo di tradurli in pratica clinica. I maggiori esperti europei si sono dati appuntamento, infatti, per il “Second European Hiv Drug Resistance Workshop” al via domani all’universita’ Cattolica della capitale.
Trasmissione di virus resistenti, nuova diffusione di ceppi di Hiv non-b a seguito dei flussi migratori e dell’allargamento a est dell’Unione Europea, utilita’ nella pratica clinica dei test di resistenza: questi gli argomenti chiave del programma congressuale. Il problema della resistenza, cioe’ la capacita’ del virus di mutare in modo da resistere all’effetto del farmaco, oggi ha doppia valenza: non investe soltanto la gestione clinica della persona in terapia, ma sempre piu’ frequentemente e’ il problema iniziale con cui il medico si deve confrontare perche’ sempre piu’ spesso il paziente prima ancora di iniziare la terapia ha un virus gia’ resistente. E’ in crescita, infatti, la diffusione di ceppi di Hiv resistente ad almeno uno dei farmaci usati nelle terapie correnti.

Leggi   HIV, nessun contagio se ci si cura: lo studio che lo conferma
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...