CONTRO LA VIOLENZA ALLE LESBICHE

di

Una manifestazione a Lucca domani per esprimere solidarietà alla ragazza violentata da due sconosciuti alcune settimane fa, e per ribadire che la convivenza civile è un bene irrinunciabile.

LUCCA – Il 18 aprile a Lucca una donna è stata aggredita e violentata. Secondo la ricostruzione, gli aggressori volevano “punirla” per essere la compagna di una lesbica attivista. Domani, venerdì 9 luglio, a Lucca, si svolgerà una manifestazione in solidarietà delle vittime di questa aggressione, e contro ogni forma di violenza lesbofoba e omofoba.
«Colpisce il silenzio di molti, di troppi, su una cosa di tale gravità – afferma la Commissione Pari Opportunità della Provincia di Lucca, promotrice della manifestazione – Si conferma la necessità di non smettere di parlare, di educare ad una società che dia piena cittadinanza a tutte le differenze e faccia prevalere il rispetto degli altri, dei loro sentimenti e dei loro orientamenti sessuali».
Intenzione della iniziativa della Commissione è «richiamare l’attenzione dei cittadini e delle cittadine affinché aggressioni e violenze di questo tipo non si ripetano», e riaffermare «Lucca come città di tolleranza e convivenza civile». Per questo motivo, la Commissione ha chiesto l’adesione e la collaborazione delle Istituzioni lucchesi, Comune e Provincia auspicando una partecipazione ampia e diversificata delle varie realtà impegnate in ambito sociale, culturale e di animazione del territorio in senso lato. Sia l’Amministrazione Provinciale che quella Comunale hanno infine aderito alla iniziativa.
La manifestazione partirà da Lucca, venerdì 9 Luglio, alle ore 17:30 da Piazza Santa Maria (interno Mura, vicino a Borgo Giannotti), e prevede un arrivo in Cortile Carrara (interno al Palazzo della Provincia, in prossimità di Piazza Napoleone). Il corteo, al quale i partecipanti sono pregati di partecipare imbavagliati con un pezzo di stoffa bianca (niente striscioni, bandiere, tamburi, fischietti, slogan, ecc.), si snoderà silenzioso e lento seguendo questo percorso. In Cortile Carrara, intorno alle 19:00, proiezione del monologo di Franca Rame “Lo stupro”. Non vi saranno interventi dal palco.
Durante la manifestazione sarà distribuito ai partecipanti e alla cittadinanza un documento esplicativo con un elenco completo delle adesioni pervenute. Le organizzazioni presenti potranno distribuire i loro.
Per aderire o avere ulteriori informazioni, rispondere a questa mail, contattare la Commissione Pari Opportunità al N° 0583/433435 (dalle ore 9 alla ore 13) o scrivere al seguente indirizzo: commissione.po@provincia.lucca.it

Leggi   Tripadvisor, ristoratore catanese replica al cliente: "Checca impazzita e repressa"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...