Convertini diffida Gay.it: la nostra risposta

di

Ecco la risposta della redazione di Gay.it indirizzata all'avvocato dell'attore Beppe Convertini. Perché sia chiaro a tutti che nessuno può cancellare i fatti. Neanche con le minacce legali.

703 0
Egr. Avv.,
 
nella piena consapevolezza dei doveri deontologici del giornalista, la redazione di Gay.it SpA darà immediato rilievo alla diffida da Lei inviataci, ma non ha alcuna intenzione di oscurare la notizia cui Lei si riferisce che, peraltro, riguarda la pubblicazione di una lettera di un terzo soggetto, su un sito diverso da Gay.it SpA, avente ad oggetto informazioni sulla vita privata del Suo assistito.
 
Invero, tale notizia è stata diffusa nel chiaro esercizio del diritto di cronaca, in relazione ad un personaggio pubblico, la cui immagine è fondata anche su altrettanto pubbliche manifestazioni della propria vita privata. In questa prospettiva, la redazione di Gay.it SpA ritiene che la disciplina di cui al D.lgs 196/2003 non precluda affatto un così banale esercizio del diritto di cronaca.
 
Distinti saluti.
 
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...