“L’Aids è di moda”: la campagna a favore di Anlaids infiamma il web

di

Sta facendo discutere l’ad con protagoniste Donatella Versace e Franca Sozzani

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
5434 0

Si torna a parlare di Convivio, la manifestazione biennale organizzata per ANLAIDS

(Associazione Nazionale per la Lotta contro l’Aids) il cui scopo è quello di raccogliere fondi per la ricerca sulla malattia, un vero e proprio stigma sociale ancora tabù per molti.

La bellissima idea è nata negli anni ’90 da una iniziativa -tra gli altri- di due big della moda come Giorgio Armani e Gianni Versace, quest’anno si terrà dal 7 al 12 giugno a Milano in Fiera, e consiste nel creare un enorme mercato del fashion animato da decine di volontari ANLAIDS tramutati per l’occasione in “commessi” dediti alla vendita a scopo benefico dei capi di moda delle numerose griffe che aderiscono all’iniziativa regalando i propri capi, ad un prezzo più accessibile, spesso scontato del 50% e oltre.

Quest’anno se ne parla però non (solo) per l’evento in sé, ma soprattutto per la campagna promozionale ideata per pubblicizzarlo: lo slogan “L’Aids è di moda: meglio Fashion Victim che Aids

Victim campeggia sui volti della direttrice di Vogue Italia Franca Sozzani e della woman in charge della maison Versace, Donatella.

Una campagna così provocatoria non poteva che infiammare i social: ecco le reazioni di alcuni influencer e persone comuni.

GRANDE FRANK!Ottimo. Una provocazione ardita e veramente progressista. Il progresso sta nello sdoganare una malattia…

Pubblicato da Giuliano Federico su Lunedì 4 aprile 2016

una roba delinquenziale #convivio2016 #aids #donatella #franca

Pubblicato da Spetteguless su Lunedì 4 aprile 2016

Il web si è diviso tra chi apprezza la forte vena provocatoria del messaggio, utile per sensibilizzare e destabilizzare il grande pubblico su una tematica così importante, e in un certo senso pericolosamente accantonata negli ultimi anni (tema che Gay.it continua a trattare e a evidenziare), e chi trova l’idea di cattivo gusto, volta a strumentalizzare una questione più complicata e a equiparare impropriamente l’HIV con l’AIDS.

A prescindere da ogni giudizio di sorta, l’importante è che se ne parli. I dati parlano chiaro: in Italia ci sono 4.000 i nuovi casi di sieropositività ogni anno e il dato e in aumento. Sensiblilizzare sul tema è doveroso, così come partecipare:

per aderire come volontari, per maggiori informazioni o per contribuire alla causa, chiamate lo 02-33608680 o scrivete a volontari@conviviomilano.it.

Leggi   Harry e Meghan, come regalo di nozze donazioni a un'associazione che si occupa di Hiv
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...