COPPIE GAY INVADONO IL SUD

di

A Caserta in un incontro affollato e partecipato, Imma Battaglia e Franco Grillini hanno dialogato con i presenti sulla tutela della unioni di fatto. Segno dei tempi che...

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
809 0

CASERTA – Era la prima volta che a Caserta si parlava di omosessualità, ma l’incontro organizzato venerdì 21 febbraio dal Circolo cittadino della Sinistra Giovanile sul tema: “GAY e COPPIE di FATTO, quali tutele, quali diritti” ha avuto una grande partecipazione. Erano presenti Imma Battaglia, presidente di Dì’GayProject, e Franco Grillini, Deputato DS e presidente onorario Arcigay Italia, e numerosi sono stati i ragazzi e ragazze, ma anche gli adulti, provenienti non solo dalla città di Caserta, ma anche da tante realtà della provincia. Erano inoltre presenti diversi militanti dei circoli Arcigay ed Arcilesbica di Napoli. In maggioranza, quindi, persone esterne alla Sinistra giovanile ed alla politica in genere.
Questo ha dimostrato come, anche in una realtà quale quella di Terra di Lavoro, sicuramente più difficile ed in ritardo su questi temi, così come sottolineato anche dagli ospiti, si sentisse, da parte di una importante fetta della popolazione, la necessità di aprire un confronto e di stimolare e sostenere con costanza e passione civile questa battaglia per i diritti.
Imma Battaglia ha sottolineato tra l’altro «il dovere per gli omosessuali di essere riconoscibili, di essere visibili, il dovere di vivere il proprio amore senza costrizioni, anche pubblicamente» ed inoltre «la necessità che i gay italiani si impegnino nel movimento di rivendicazione dei propri diritti per dimostrare che non sono cittadini di serie “B”, che non hanno bisogno né di tolleranza né di concessioni, e per affermare quelli che sono diritti umani oggi negati ad una numerosa comunità, che soffre il peso della diffidenza e della discriminazione, tanto più forte nelle realtà dell’Italia meridionale».
Franco Grillini ha sostenuto come «la famiglia tradizionale non è affatto in crisi, ma è semplicemente cambiata in maniera profonda negli ultimi decenni». «Se oggi il 60% degli italiani non vive in una famiglia tradizionale – ha detto ancora il deputato Ds – lo Stato ha il dovere di prevedere una pluralità di istituti giuridici che permetta, alle numerose forme affettive oggi esistenti, di dare una regolamentazione ai propri rapporti. Il solo matrimonio non basta più». Di qui, quindi, il bisogno di «una riforma organica del diritto di famiglia”. Di qui, il bisogno di contrastare la Destra oscurantista e conservatrice che governa il nostro Paese ed il clericalismo bigotto della gran parte delle gerarchie ecclesiastiche, in quanto questi sono, oggi, i principali nemici della comunità omosessuale».
Anche la discussione seguita agli interventi degli ospiti è stata molto vivace ed informale ed ha visto le testimonianze di vita di omosessuali, di genitori, e di comuni cittadini orgogliosi di sostenere quest’impegno.
Quella di venerdì, è stata, inoltre, l’occasione per rilanciare la proposta di istituzione di un registro delle unioni civili al Comune di Caserta. In questo senso, un appello è stato rivolto ai consiglieri comunali della città, nonché agli amministratori della Provincia perché si attivino affinché nel maggior numero possibile di comuni di Terra di Lavoro si adotti questo strumento di stimolo e testimonianza nei confronti del legislatore nazionale, cui spetta il compito di colmare questa lacuna dell’ordinamento giuridico italiano.
«Su questi temi – ha dichiarato Veniero Fusco che ha curato l’organizzazione dell’evento – la Sinistra Giovanile sarà fortemente attiva anche nella vicina conferenza programmatica dei DS, per ottenere che anche il partito si impegni ufficialmente, in città ed in provincia, in questa battaglia di civiltà».
Il Circolo della SG non esaurirà il proprio impegno con questo dibattito. Infatti su invito di Franco Grillini collaborerà alla campagna “Un PACS Avanti”, lanciata dall’Arcigay e sostenuta tra l’altro dalla Sinistra Giovanile e dai Democratici di Sinistra nazionali, per una raccolta di firme a sostegno della proposta di legge presentata in Parlamento dallo stesso Grillini, e volta alla istituzione del PACS italiano, quale primo passo verso il pieno riconoscimento di diritti alle unioni civili, sia eterosessuali sia omosessuali.

Tutti gli articoli su:
Personaggi:

Commenta l'articolo...