Crolla la sinistra in tutta Europa. Radicali non ce la fanno

di

Le polemiche su Noemi e le vicende giudiziarie riescono in mimima parte a scalfire il risultato del PDL (35%). Non crolla il PD (26%). Bene Lega e IdV....

1124 0

Sono tutti delusi, più o meno. Gli unici partiti a gioire per il risultato delle elezioni europee sono la Lega Nord -che raggiunge il 10% – l’Italia dei Valori – che arriva all’8%, raddoppiando rispetto alle europee del 2004 -. e l’UDC – che conquista il 6,5% -. E poi il Partito Democratico, che ha perso consensi anche se in misura minore a confronto con le aspettative.

I partiti che riescono a entrare nel Parlamento europeo sono i soliti cinque che hanno avuto accesso anche al parlamento nazionale: oltre al partito di Berlusconi e Franceschini, portano i propri rappresentanti in Europa anche UDC, Lega, IdV. Per il resto è una strage. Nessun partito della sinistra divisa – Ferrero (Rifondazione comunista + Comunisti Italiani con il 3,4%), Vendola (Sinistra e Libertà con il 3,1%), e Ferrando (Partito Comunista dei Lavoratori con lo 0,54%) – riesce a superare il quorum del 4%.

Delusione cocente anche per i Radicali che arrivano ad uno stringato 2,4%: per la prima volta il movimento di di Emma Bonino e Marco Pannella non avrà suoi rappresentanti nei palazzi europei.

Per sapere i risultati dei singoli candidati, invece, dovremmo aspettare qualche ora in più ma sembra evidente che gli unici rappresentanti lgbt che potrebbero farcela sono 3: Ivan Scalfarotto (Partito Democratica), Gianni Vattimo (Italia dei Valori), Rosario Crocetta (Partito Democratico).

Attesa per lo scrutinio delle elezioni amministrative che inizierà dalle 14 di oggi pomeriggio.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...