DA BARI LA NUOVA MISS TRANS

di

Le immagini e la cronaca del concorso Miss Trans 2001

3968 0

Clicca qui per la galleria di foto della serata

Regina è raggiante, e ne ha tutti i motivi. L’edizione 2001 del concorso di bellezza riservato alle transessuali italiane Miss Trans ha avuto un enorme successo, anche in termini di immagine. Il concorso, che si è concluso ieri, si è svolto presso un importante teatro della città di Viareggio, il Principe di Piemonte, uscendo, quindi, dai limiti ormai troppi angusti della discoteca Frau Marleen, dove, comunque si è svolta la festa finale. Inoltre, Regina sarà ospite stasera al Maurizio Costanzo Show («Costanzo ci aiuta molto a dare visibilità alle realtà trans italiane» ci spiega Regina), insieme con la neo eletta Miss Trans 2001 e la di lei madre, a portare un esempio di normale esistenza da trans e smentire con la forza della testimonianza il luogo comune che vuole tutte le trans prive di una vita, di un lavoro e di relazioni come qualsiasi altra persona.

«Ho cercato di dare la massima visibilità a questa manifestazione – dice Regina, che ha organizzato il concorso insieme con Anastasia – per darle il risalto che merita facendola uscire da un ambiente, quello della discoteca, che, per quanto carino e confortevole, è sempre vincolante. In teatro, invece, sono venute a trovarci tantissime persone, molte per curiosità, molte per vedere lo spettacolo». Perché il concorso si svolge come un vero e proprio spettacolo: ci sono le ragazze che sfilano, prima in abito da sera, poi in costume, ci sono balletti, canzoni, interventi. E, soprattutto, il tanto atteso momento della premiazione.

La vincitrice è stata Sabrina, che ha 27 anni e vive a Bari dove si occupa di animazione in discoteca e di assistenza sociale;

Sabrina ha un rapporto fortissimo con la famiglia, e ha avuto così la possibilità di restare nell’ambiente in cui aveva vissuto senza necessità di fuggire per trovare la propria identità lontana da casa, come spesso succede.

La seconda classificata è Eva che vive a Carrara, ma è di origini campane; fa la barista e coltiva il desiderio di aprire un bar proprio. Lei, ad esempio, ha dovuto partire da Caserta, dove è nata, perché non riusciva a trovare serenità in quell’ambiente. Fortunatamente, a Carrara ha trovato un’ottima accoglienza; purtroppo, ci dice Regina, «non sempre allontanandosi da casa una trans riesce a trovare quella pace psicologica alla ricerca della quale è partita».

La terza si chiama Paloma, di doppia nazionalità italiana e brasiliana, nata nelle Marche da padre italiano e madre brasiliana; fa la visagista e parrucchiera.

La serata, però, come dicevamo più sopra, è stata ricca di momenti di spettacolo, grazie al balletto della Rai sponsorizzato da Sasch, ai cantanti intervenuti, e all’esibizione del gruppo di Drag Quuen pisano, le Drastic Queen (foto). Erano presenti Franco Grillini, presidente onorario Arcigay e deputato Ds, Alessio de Giorgi, direttore di Gay.it, e, a sorpresa, il corridore Marco Cipollini.

Prima del grande spettacolo serale, nel pomeriggio, nella stessa sede si è svolto il convegno "Dalle Vie en Rose alla realtà, il transessualismo tra polvere di stelle e bisogni reali: leggi, strutture e servizi, garanzie dei diritti di cittadinanza", sui diritti delle trans ad essere cittadine a tutti gli effetti. Alla discussione hanno partecipato rappresentanti del Mario Mieli, l’asssessora del Comune di Viareggio Cristina Boncompagni, Marcella Di Folco presidente del Mit ed altri.

Leggi   Torino, vandalizzata la mostra fotografica gender

Clicca qui per la galleria di foto della serata

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...