Delirio omofobo made in Usa: “I gay, da Starbucks, diffondono l’Ebola”

di

"Si stringono le mani, le agitano: state lontani dagli Starbucks pieni di sodomiti"

3844 0

Abbiamo sentito dare ai gay le colpe più incredibili: alluvioni, terremoti, tsunami e vulcani esplosi. Questa, però, rischia di piazzarsi in cima alla top ten delle più incredibili.

Secondo James David Manning, noto pastore omofobo della ATLAH Worldwide Missionary Church, è bene che la gente stia lontana dagli Starbucks d’America perché è in quei posti che i “sodomiti” diffondono, udite udite, il virus dell’Ebola. Avete capito bene.

“Le caffetterie di Starbucks – ha dichiarato il religioso – sono fonte di diffusione di Ebola e altre malattie, per via dei clienti che lo frequentano”. I clienti, spiegherà lo stesso Manning più avanti, sono i gay, anzi, i “sodomiti”, per usare il suo linguaggio.

“In generale, i sodomiti delle classi sociali alte che frequentano Starbucks – ha dichiarato -, che siedono lì con i loro computer e questo è anche un luogo di incontro, si scambiano un sacco di fluidi corporei, scuotono le mani e se le stringono”. “State lontani da Starbucks – ha concluso il pastore -, se non volete contrarre l’Ebola. Soprattutto dagli Starbucks delle aree urbane”.

Come possano i gay essere portatori di Ebola è un mistero che neanche lo stesso Manning spiega. Certo è che questo non è il primo tentativo di boicottaggio della catena di caffetterie, rea di avere sempre esplicitamente appoggiato le campagne per i diritti civili negli Usa, mantrimonio egualitario incluso. Campagne sempre andate a vuoto, perché stando a quanto riporta GayStarNews, l’azienda ha dichiarato che non hanno avuto alcun impatto sul suo giro d’affari.

Ecco l’audio originale delle dichiarazioni di Manning

Leggi   Checco Zalone, il piccolo comico che ha bisogno di dire "Fr*cio" in prima serata
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...