Destre contro il Gay Pride

di

A Roma e Milano due interventi delle destre di protesta contro il Gay Pride: An annuncia un sit-in durante il Pride romano, mentre Forza Nuova espone uno striscione...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Il circolo Marconi di Alleanza Nazionale, che già lo scorso anno aveva protestato contro l’organizzazione del World Gay Pride, anche quest’anno ha deciso di promuovere una contro-manifestazione alla parata gay romana del 7 luglio. Il circolo ha infatti annunciato un sit-in all’Eur per "riaffermare la difesa di certi valori, come quello della famiglia tradizionale, valori che devono essere insegnati ai giovani", secondo le parole del vice-presidente del gruppo di An alla provincia di Roma Piergiorgio Benvenuti, tra i promotori della protesta, riportate oggi dal quotidiano telematico Il Nuovo.

Nelle motivazioni della protesta, si nega ci siano origini discriminatorie: Benvenuti afferma che "otto le lenzuola ognuno è libero di fare ciò che vuole, ma non per strada e non nella città che ospita il Vaticano".

Il Nuovo riporta anche la reazione sdegnata di Fabio canino, attore e curatore di una rubrica su Gay.it, che risponde dicendo: "Poveretti, nel mondo gli altri partiti di destra oramai hanno capito, gli italiani invece no e sono rimasti gli unici a protestare. Sono ridicoli e ignoranti. Se Storace vuole davvero riscrivere i libri di storia dovrebbe partire proprio da qui".

Anche a Milano, durante la seduta del consiglio comunale di ieri, alcuni attivisti della formazione di estrema destra Forza Nuova hanno esposto nella sala del consiglio uno striscione di protesta contro il Gay Pride milanese di sabato 23 giugno, striscione che è statoprontamente rimosso dal presidente Marra

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...