E anche il sindaco balla insieme ai 40mila del Palermo Pride

di

Un successo, il Pride 2012 di Palermo con 40mila presenze. E a rivendicare parità, insieme alla comunità lgbt, anche il sindaco Orlando e cinque assessori: "Nel 2013, Pride...

3592 0

Gli organizzatori non esitano a definirlo un successo. Per il terzo anno di seguito il Palermo Pride ha oprtato per le strade del capoluogo migliaia di persone. Le stime ufficiali parlano di 40 mila. "Sono sul carro che apre e non riesco a vedere la coda del corteo" ci dice emozionata Daniela Tomasino dell’ufficio stampa mentre il corteo sfida il caldo africano diretto verso Piazza Verdi, dove si concluderà. Ma quello che, probabilmente, fa la differenza in questa edizione del Pride di Palermo è la presenza istituzionale.

Più di mezza giunta comunale, infatti, rappresentata dagli assessori Giuseppe Barbera, Agata Bazzi, Giusto Catania, Agnese Ciulla, Francesco Giambrone e Barbara Evola, ha sfilato insieme alla comunità lgbt reggendo lo striscione d’apertura e a loro si è aggiunto, a metà corteo anche il sindaco, Leoluca Orlando che ha ballato al suono della musica che giungeva dai carri. Su Twitter, Arcigay Palermo ha commentato: "il sindaco Orlando balla al #palermopride! E il pride lo abbraccia". Un fatto senza precedenti a Palermo, ma che non stupisce data la partecipazione di diversi assessori alle attività che hanno preceduto il Pride stesso e la presenza del Sindaco all’inaugurazione del Queer Festival.

"Oggi è un grande giorno per Palermo – ha detto Orlando – perché oggi mandiamo all’Italia e al mondo un messaggio chiaro sulla città che vogliamo: una città in cui il riconoscimento e la tutela dei diritti vanno di pari passo con la valorizzazione delle differenze". E dal palco di Piazza Verdi Orlando ha detto: "Qui c’è la giunta. qui c’è Palermo. Il prossimo anno si faccia il Pride nazionale qui". Tra gli altri rappresentati delle istituzioni, c’era anche Rosario Crocetta, eurodeputato del Pd e primo sindaco (di Gela) dichiaratamente omosessuale d’Italia.

Ragazzi e ragazze di ogni età, appartenenti alla comunità Lgbt, ma anche eterosessuali solidali con le ragioni di gay, lesbiche e trand si sono radunati sul lungomare del capoluogo siciliano intorno alle 15 di questo pomeriggio. Il corteo, formato da 15 carri con a bordo dj, drag queen, gogo boys e animatori ha percorso poi corso Vittorio Emanuele, Via Roma, Piazza Castelnuovo, via Ruggero Settimo fino a Piazza Verdi. Davanti al Teatro Massimo è previsto un momento di spettacolo conclusivo che, mentre scriviamo, non è ancora iniziato.

Leggi   Porto Rico, attacco omofobo con bombe incendiarie contro club gay
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...