E’ in arrivo una “Giornata Particolare” per Gianni Alemanno?

di

Venerdì rainbow per il Sindaco di Roma, atteso al Gay Village e al terzo Micropride capitolino, con il presidente di Arcigay Roma che intanto non chiarisce a Gay.it...

Venerdì 11 settembre 2009. Una data probabilmente storica ed indelebile per il Sindaco di Roma Gianni Alemanno, che potrebbe vivere la sua "Giornata Particolare".

Ad attendere il Sindaco il pubblico del Gay Village, che potrebbe andare per la prima volta in visita nella sede dell’evento gay estivo. Un appuntamento annunciato dallo stesso Alemanno giorni fa, quando le associazioni glbt della capitale si ritrovarono con lui attorno ad un tavolo per discutere del ‘caso Svastichella’, e con la sicurezza cittadina verso gli omosessuali all’ordine del giorno.

Al termine di quell’incontro Alemanno annunciò di voler far visita al Gay Village, con l’attesa ‘prima volta’ ormai in dirittura d’arrivo. Venerdì, però, ci potrebbe anche essere un inedito bis rainbow per il Sindaco della capitale, grazie al 3° Micro Pride romano, We have a Dream.

L’appuntamento è fissato per le ore 21, non più in Via San Giovanni in Laterano bensì a Piazza Navona. La fiaccolata, per problemi di ordine pubblico, non sarà più in movimento ma fissa, in una sorta di sit-in illuminato all’ombra della fontana del Bernini. Sempre per ordine della Questura è saltata l’intenzione iniziale di arrivare fino alla Corte Costituzionale, a causa dell’intoccabilità del Quirinale, dove è assolutamente vietato manifestare.

Proprio qui, a Piazza Navona, Gianni Alemanno potrebbe fare la sua seconda comparsata arcobaleno nel giro di poche ore, manifestando tutta la propria solidarietà nei confronti del movimento gay e appoggiando ufficialmente la richiesta bipartisan di una legge contro l’omofobia, da approvare immediatamente in Parlamento.

Tutto questo a poche ore dall’annuncio della fiaccolata nazionale contro la violenza e l’intolleranza, presentata al fianco del Presidente della Regione Piero Marrazzo e del Presidente della Provincia Nicola Zingaretti.

A consentire una simile ‘staffetta’ le lancette dell’orologio, visto che il palco del Gay Village dovrebbe accogliere il Sindaco non prima delle ore 22:30, ovvero 90 minuti dopo la partenza del 3° Micro Pride a Piazza Navona. Il rischio, per i più scettici dinanzi a questo doppio possibile intervento, è che la "Giornata Particolare" di Gianni Alemanno finisca per essere ricca di annunci e di buone intenzioni, ma totalmente priva di concretezza.

D’altronde non ci dimentichiamo che è ferma in Consiglio regionale una proposta di legge contro le discriminazioni e per il riconoscimento dei diritti delle persone, a prescindere dal loro orientamento sessuale. Sbloccarla sarebbe un altro bel segnale.

Continua intanto il mistero sul caso gay street. Il presidente di Arcigay Roma, Fabrizio Marrazzo, contattato dalla redazione, ha detto di non voler rilasciare interviste sulla vicenda: "Tutto quello che so l’ho già detto agli inquirenti", ha detto Marrazzo.

di Federico Boni

Leggi   Roma-Lazio, il derby della Capitale può essere gay friendly?
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...