E’ morto Umberto Bindi, cantautore gay

di

Accanto a lui, al momento della morte c' era il suo compagno di vita da oltre 20 anni Massimo Artesi. Le associazioni gay si uniscono nel ricordo di...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
11066 0
11066 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


ROMA – È morto ieri sera in un ospedale romano Umberto Bindi; il cantautore aveva 70 anni e da tempo soffriva di cuore. Lo hanno confermato i collaboratori più stretti. Recentemente gli era stato riconosciuto il vitalizio previsto dalla legge Bacchelli.

Bindi è morto intorno alle otto di ieri sera nell’ ospedale Spallanzani dove era stato ricoverato quattro giorni fa dopo l’ aggravarsi delle sue condizioni cardiache. Accanto a lui, al momento della morte c’ era il suo compagno di vita da oltre 20 anni Massimo Artesi.

La musica e il mare, la solitudine come scelta e Genova. Erano questi i temi delle prime canzoni di Umberto Bindi. Versi scarni, scritti in gran parte con l’amico Giorgio Calabrese, canzoni fuori moda e poetiche. Una vita ‘separata’ quella di Bindi, e non solo per la sua dichiarata omosessualità che fece scandalo al punto da costargli l’emarginazione dalla Rai e l’allontanamento, nel 1989, da Sanremo perchè personaggio troppo provocatorio e scomodo. Bindi proveniva dalla Genova bene, aveva studiato pianoforte al conservatorio. Negli anni Sessanta alla contestazione preferiva i locali notturni.

"Grazie Umberto per le tue canzoni, per il tuo coraggio, per aver vissuto coerentemente pur pagando la tua verità a caro prezzo". Così il Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli ricorda il cantante ligure deceduto ieri sera in un ospedale romano. Il circolo fermerà stasera in occasione della serata di Mucassassina la musica in tutte le sale "per dare il nostro arrivederci ad Umberto ed esprimere così il nostro più profondo dolore per la sua scomparsa". "Negli ultimi mesi – ha ricordato in una nota il Circolo Mario Mieli – insieme ad altri artisti siamo stati al suo fianco per sollecitare il governo a concedere il sussidio Bacchelli ma il cuore di Umberto non ce l’ha fatta".

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...