Ecuador: il matrimonio gay è un diritto costituzionale

di

Approvata, grazie ad un referendum popolare, la nuova costituzione del paese sudamericano. Molte le novità considerate "una svolta storica". Tra esse, le nozze tra persone dello stesso sesso.

646 0

Una nuova Carta Costituzionale è certamente un fatto storico in qualsiasi paese del mondo e lo è ancora di più quando include principi mai contemplati. L’Ecuador si è appena dotato, con un referendum popolare, di una nuova costituzione approvata con il 65% dei voti favorevoli. Molti i cambiamenti considerati rivoluzionari: la Natura diventa a tutti gli effetti un soggetto giuridico, per esempio. Ma le novità che faranno discutere il resto del mondo riguardano i diritti delle persone. 

Le donne hanno la facoltà esclusiva di decidere sulla propria gravidanza, mentre a favore dei diritti delle persone lgbt, viene introdotto il matrimonio tra persone dello stesso sesso. Naturalmente, ad opporsi in modo fermo a questa costituzione sono stati la Chiesa e la destra che l’hanno etichettata come ‘abortista’ e ‘antifamiglia’. Evidentemente, l’opposizione è stata vana. "E’ una vittoria storica – ha commentato il presidente Rafael Correa – , l’Ecuador ha deciso di essere una nazione nuova e le vecchie strutture sono state sconfitte".

Leggi   Cina, elettroshock e terapie riparative per i gay: il racconto dell'inferno
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...